I formati di Office sono davvero segreti?

Secondo una credenza molto diffusa, i formati dei file scritti da Microsoft Office sarebbero segreti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-09-2002]

Questa non è un'indagine antibufala, ma quasi: sono alcuni appunti a proposito di una credenza molto diffusa, secondo la quale i formati dei file scritti da Microsoft Office sono segreti. Si tratta di considerazioni piuttosto tecniche, emerse in una chiacchierata nel forum che modero presso la Rai, per cui se queste diatribe da smanettoni non vi interessano, passate oltre.

La segretezza dei formati Microsoft viene spesso presentata come giustificazione per il fatto che i programmi concorrenti, come OpenOffice.org e tanti altri, non riescono ad essere perfettamente compatibili con Word, Excel, PowerPoint e compagnia bella. Quando aprite un documento Word con OpenOffice.org e simili, quello che vedete non è mai esattamente quello che vedreste aprendolo con Word, e se usate OpenOffice.org e simili per salvare un documento in formato Word, inevitabilmente la sua formattazione risulta diversa quando lo aprite con Word.

Questa incompatibilità è una delle ragioni principali per cui stentano a decollare le alternative a Windows (come Linux): mancano programmi che scrivano esattamente nei formati Office che sono, nel bene e nel male, lo standard di fatto. Per poter abbandonare Windows è necessario essere sicuri di poter scambiare documenti e spreadsheet con il mondo Windows in modo assolutamente trasparente, e questo risultato non è ancora stato raggiunto, anche se ci si avvicina sempre più.

In realtà questi formati non sono così segreti come si dice in giro (e come ho scritto anch'io erroneamente tempo addietro in Da Windows a Linux). Secondo quanto segnalato dal sito Slashdot.org, la Microsoft ha pubblicato dei libri che descrivono i formati delle vecchie versioni di Word e Excel: si intitolano rispettivamente "Microsoft Word Developer's Handbook" e "Microsoft Excel Developer's Handbook". Il codice ISBN di quest'ultimo è 1-57231-359-5.

Inoltre, secondo quanto riportato sul sito Microsoft, esistono due altre pubblicazioni, intitolate Microsoft Word Developer's Kit (ISBN:1-55615-880-7) e Microsoft Excel 97 Developer's Kit (ISBN: 1-57231-498-2), che descrivono questi formati.

La stessa pagina del sito Microsoft avvisa che Microsoft non fornisce alcun supporto tecnico o di altro genere per il formato binario dei file di Word e PowerPoint, e che la documentazione dei formati binari di Office fu rimossa dall'MSDN nel 1999, ma non tutto è perduto: infatti il sito dice che si può ricevere questa documentazione scrivendo a officeff@microsoft.com oppure spedendo una lettera a "Office File Format Documentation Request - One Microsoft Way - Redmond, WA 98052" descrivendo i motivi della richiesta. In altre parole, della documentazione ufficiale per le vecchie versioni di Word ed Excel esiste, anche se molti esperti in Rete sostengono che è incompleta e inesatta.

Per le versioni più recenti di Office, ossia dalla 2000 in poi, il formato di file nativo è l'HTML/XML, e la documentazione in merito è, secondo la pagina Microsoft, disponibile qui, ma in realtà cliccando su questo indirizzo compare il messaggio di pagina inesistente.

Il link giusto è questo, trovato cercando "Microsoft Office HTML and XML Reference". Questa pagina permette di scaricare della documentazione, la cui licenza ­ è bello notarlo ­ vieta di usarla per creare programmi concorrenti a quelli di Office, a meno che siano semplici programmi di lettura, non in grado di modificare i file. Questo forse giustifica il fatto che gli sviluppatori dei programmi concorrenti non sono ancora riusciti a ottenere la piena compatibilità: le specifiche ci sono, ma non possono usarle (almeno ufficialmente).

Va detto inoltre che le informazioni contenute sono piuttosto dettagliate, ma riguardano soltanto i documenti salvati in formato HTML/XML, mentre moltissimi utenti continuano a usare anche le nuove versioni di Word per salvare nel vecchio formato binario (entrambi i formati usano l'estensione .doc). Quindi i programmi concorrenti di Word/Excel devono gestire due formati se vogliono la compatibilità con i programmi Microsoft.

Per complicare ulteriormente le cose, Microsoft dichiara che il formato binario di Word/Excel 2000 e 2002 è praticamente uguale a quello di Word/Excel 97 a parte qualche aggiunta. In teoria, quindi, dovrebbe essere possibile usare questa documentazione come base per creare un programma che perlomeno legga fedelmente i documenti Word/Excel anche sotto Linux. Sarebbe già un ottimo passo avanti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (5)

{Italo Vignoli}
Ciao Paolo, Microsoft ha recentemente annunciato che renderà pubblici i formati delle vecchie versioni di Office il 15 febbraio, ovvero fra qualche giorno. Si tratta di un passo indispensabile per l'approvazione di OOXML come standard. Vediamo cosa succede.
13-2-2008 17:57

Paolo Attivissimo
per francesca Leggi tutto
12-10-2004 12:48

francesca
info Leggi tutto
12-10-2004 12:08

Colossus
Anche il secondo link è non è disponibil Leggi tutto
14-7-2003 12:07

Francesco
[..]Il link giusto è questo, trovato cercando Leggi tutto
13-6-2003 16:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perch comoda, cos non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione Resta collegato
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1864 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics