AGCOM: occorre riformare il diritto d'autore

Corrado Calabrò difende il regolamento contro il peer to peer e invoca una riforma attesa da 70 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2011]

Corrado Calabrò Agcom copyright riforma 70 anni

A Corrado Calabrò, presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) non sono mai piaciute troppo le critiche severe sulla proposta di regolamentazione del diritto d'autore presentata a luglio.

Già in agosto aveva provato a difendere, spiegandone i contenuti, il regolamento eppure ancora a settembre le norme contenute sembravano tendere unicamente a colpevolizzare gli utenti pur di salvaguardare il copyright.

In occasione del convegno Italia Audiovisiva: diritto d'autore e creatività Calabrò è tornato sul tema, affermando con decisione che l'Autorità «non vuole diventare lo sceriffo di Internet» e che «nel nostro schema non c'è nessun limite alla libera espressione e diffusione del pensiero: abbiamo scartato in partenza logiche invasive del tipo di quelle adottate in Francia».

Secondo il presidente dell'AGCOM, l'HADOPI non solo si è mostrata «intrusiva» ma anche »poco efficace». Eppure il problema, secondo Calabrò, non sta soltanto nelle misure repressive che si possono adottare.

«La via giusta sarebbe la riforma del diritto d'autore per adeguarlo all'evoluzione tecnologica in atto. Sono 70 anni che si parla di questa riforma, quanto tempo ancora dobbiamo aspettare?» si chiede il presidente di AGCOM.

Quanto al regolamento, al momento si trova nelle mani delle autorità europee a Bruxelles, le quali faranno sapere che cosa ne pensano entro il prossimo 3 novembre; fino ad allora perdura un «dialogo informale con i blogger e più in generale con il popolo della Rete» sostiene Calabrò.

Nella stessa occasione ha preso la parola anche Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, il quale ha difeso l'importanza del diritto d'autore: «Se vogliamo contenuti di alto livello e alta qualità, qualcuno deve pagare; bisogna riconoscere il diritto d'autore perché se non si protegge il copyright, salta per aria tutto».

«Tra fiction e cinema, nel 2010 abbiamo investito oltre 300 milioni» ha continuato Confalonieri. «C'è chi sfrutta i contenuti senza pagare. La libertà digitale non va persa ma bisogna proteggere i contenuti originali».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Agcom approva il nuovo regolamento, ora la parola al Tar

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Questo è ovvio, quando mai il nostro caro B. ed i suoi sodali economico/finanziari hanno gradito la concorrenza??? Leggi tutto
10-10-2011 21:02

Indovina chi non vuole ... Sky... Mediaset....??? :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
10-10-2011 19:40

Il mio riferimento era principalmente ai prodotti televisivi sui quali verteva, in larga parte, anche il contenzioso con YouTube a suo tempo... link comunque hai ragione ci sono anche i prodotti che tu citi. Comunque, in merito, credo di non avere neppure un CD della Five - non so nemmeno che generi musicali tratti - e sul decoder mi... Leggi tutto
10-10-2011 18:47

La Mediaset possiede, se non sbaglio una casa discografica (Five) e on-demand dei film con decoder e inoltre dei gruppi di distribuzione e delle rivendite. Anche se non sono espressamente targate Mediaset.... :wink: Ciao Leggi tutto
10-10-2011 14:19

{solbica}
Speriamo che i soliti noti si ricordino anche di togliere l'iniqua (volendo rimanere educati nell'espressione che meriterebbe tale legge)tassa sui mezzi di memorizzazione (cd-dvd-cassette-ecc).Se poi si parla di lobby qualcuno si offende.A mio parere se fossesolo lobby!Mediamo.
10-10-2011 11:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (5602 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 ottobre


web metrics