Flashback.C, il trojan che infetta i Mac

Si spaccia per un aggiornamento del Flash Player di Adobe e invece disattiva le protezioni di OS X, aprendo una backdoor.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2011]

Flashback.C trojan Mac OS X

L'ultima minaccia per gli utenti di Mac OS X è stata individuata da F-Secure e si chiama OSX Flashback.C.

È un malware che si spaccia per un aggiornamento del Flash Player di Adobe. Se l'utente ci casca e installa il finto aggiornamento, porta sul proprio Mac un trojan che, come prima cosa, disabilita le protezioni del sistema.

La prima vittima di Flashback.C è infatti XProtect, il componente anti-malware di Apple, che viene disattivato.

Il passo successivo è l'apertura di una backdoor che gli permette di connettersi a un computer remoto dal quale aspetta di ricevere istruzioni.

Pare che per ora non ci sia nessuno a impartire ordini al malware, ma è solo questione di tempo; inoltre già si segnalano nuove varianti del trojan che si comportano in maniera analoga ma rispondono a padroni diversi.

Dato che Flashback.C richiede la collaborazione dell'utente per poter infettare il computer, la prima difesa consiste nel diffidare di qualunque file non provenga da fonte più che sicura; nel caso del Flash Player, tale fonte è Adobe e nessun altro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Malware, attacchi al Mac moltiplicati nel 2015
Rarità, un malware su Linux
Un virus reale per OS X

Commenti all'articolo (1)

Nell'articolo Ŕ riportato che "pare che per ora non ci sia nessuno a impartire ordini al malware, ma Ŕ solo questione di tempo" questo significa che si tratta solo di un malware dimostrativo o che Ŕ stato scoperto prima che venisse attivata una botnet da parte del creatore del malware o che altro?
23-10-2011 10:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (6173 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics