Bosone di Higgs, ci sono le prove della sua esistenza

Gli scienziati del CERN hanno trovato le prime tracce della sfuggente particella di Dio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-12-2011]

lhc cern bosone higgs

A quanto pare esiste davvero: oggi, in conferenza stampa, i fisici del CERN che lavorano al Large Hadron Collider hanno annunciato di aver trovato i primi inidizi che paiono confermare l'esistenza del bosone di Higgs.

La ricerca di questa sfuggente particella - ipotizzata e parte del Modello Standard, ma ancora mai osservata - occupa gli scienziati da ormai circa cinquant'anni: la costruzione del LHC è stata portata avanti anche con l'intenzione di fare chiarezza su questo mistero.

I rilevatori ATLAS e CSM - due progetti guidati da italiani, Fabiola Gianotti e Guido Tonelli - hanno finalmente fornito qualche risposta.

«Abbiamo iniziato a notare il segnale [della possibile esistenza del bosone di Higgs] alla fine dell'estate» ha spiegato il direttore della ricerca al CERN, Sergio Bertolucci; poi, sono occorsi alcuni mesi per elaborare le informazioni raccolte.

I segni della presenza del bosone sarebbero stati notati con una massa intorno ai 125 GeV: la massa del bosone era ancora sconosciuta, e questo rendeva più difficile individuarlo.

È tuttavia ancora presto per festeggiare: i dati non sono sufficienti ad affermare con certezza che il bosone è stato individuato. Rolf Heuer, direttore del CERN, è però ottimista: l'esistenza del bosone potrà essere provata o smentita nel corso del 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hawking: bosone di Higgs potrebbe distruggere l'Universo

Commenti all'articolo (5)

Giga elletronVolt, che però è un'unità di misura dell'energia, ma nel modello standard massa ed energia sono"la stessa cosa". Restiamo in attesa del comunicato stampa della Gelmini ... :roll: Marsitella ... ci manchiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :vittoria: :old: Leggi tutto
14-12-2011 10:47

in realtà hanno detto anche che "qualcosa hanno" ma non è statisticamente rilevante.
14-12-2011 09:05

Il CERN ha detto solo che non è stato trovato in certi range e che ormai sono rimasti range molto stretti percui, SE ESISTE, verrà trovato a breve con l'analisi dei dati rimasti perché quei range sono già stati sperimentati. Vuol dire che LHC ha fatto tutti gli esperimenti che doveva fare per l'Higgs, che ora bisogna solo analizzare i... Leggi tutto
13-12-2011 20:52

GeV? Guardie ecologiche volontarie?? :-P
13-12-2011 17:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics