L'Agenda Digitale punterà sul software libero

Parte dalle scuole e coinvolgerà da subito sanità e pubbliche amministrazioni il piano "open data" del governo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2012]

agenda digitale cabina regia profumo

La "cabina di regia" indicata nel Decreto Semplificazioni per attuare l'Agenda Digitale italiana è pronta a riunirsi.

La prima seduta è fissata per giovedì prossimo, e tra i punti all'ordine del giorno c'è non soltanto la necessità di realizzare nuove infrastruttura, ma anche l'importanza dell'alfabetizzazione informatica.

Se, infatti, è vero che la Rete attuale non basta a soddisfare l'offerta di servizi ai cittadini che l'Agenda Digitale ha in programma, è anche vero che, secondo le statistiche, circa il 40% degli italiani si trova in una situazione di "digital divide volontario".

Ciò significa che quasi la metà dei nostri connazionali non utilizza Internet, in buona parte perché non ne vede l'utilità: lo sviluppo dei servizi andrà quindi portato avanti insieme a una comunicazione capillare ed efficace sui vantaggi che la dematerializzazione porta con sé.

A ciò, naturalmente, si aggiunge l'impellente necessità di raggiungere quel 6% di italiani che ancora si trovano al di fuori di ogni possibilità di connessione, facendo arrivare una connessione a Internet basilare in ogni luogo.

Tutti questi obiettivi confluiscono poi nella strategia che è già stata definita open data, ossia la realizzazione di un'amministrazione pubblica trasparente ed efficiente che sfrutta le risorse del cloud computing per mettere a disposizione dei suoi vari organismi i dati e le risorse, riducendo i tempi di attesa per i cittadini e semplificando le operazioni.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocitÓ?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocitÓ (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)

La realizzazione del piano passa anche attraverso l'adozione di standard «aperti e interoperabili», come ha dichiarato Francesco Profumo (ministro dell'Istruzione con delega per l'attuazione dell'Agenda Digitale) durante un'intervista al quotidiano La Repubblica.

Ciò comporta un "no" diretto alle soluzioni «chiuse, proprietarie e idiosincratiche a determinati ambienti tecnici o a dispositivi specifici», che si spera si concretizzi nell'ampia adozione di software libero e open source.

Il primo ambito in cui si vedranno i frutti di questa iniziativa sarà la scuola: l'immissione dei dati in Rete è infatti già iniziata; seguiranno la sanità e le pubbliche amministrazioni.

L'obiettivo finale, poi, è ancora più ambizioso: la realizzazione delle Smart Cities, città in cui «una grande infrastruttura tecnologica e immateriale faccia dialogare persone ed oggetti, integrando informazioni e generando intelligenza, producendo inclusione e migliorando il nostro vivere quotidiano».

Protagoniste di questa rivoluzione saranno le regioni del Sud, dove il governo conta di installare i datacenter per via della presenza di «dorsali potenti della connettività internazionale, in particolare Sicilia e Sardegna».

Tra qualche giorno potremo quindi vedere quali saranno i primi passi concreti per la realizzazione dell'Agenda Digitale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Software libero nella PA, adozione a rischio

Commenti all'articolo (2)

Per quanto riguarda le scuole (superiori) ti do' pienamente ragione. Da anni il ministero "regala" un gestionale per tentare di uniformare la gestione dei dati dei ragazzini, senza alcun risultato. C'e' un rifiuto di internet che e' visto quasi come un giocattolo o al piu' un fastidio. Puoi figurarti cosa e' successo quando... Leggi tutto
9-2-2012 08:57

{ice}
FINALMENTEsolo le PA hanno la forza per spingere il mercato ad adottare formati liberi. Non sono certo i piccoli uffici legati da anni a vecchie macro di excell lasciate in eredità da qualche precedente dipendente a potersi affrancare.Il Cloud è certamente una strategia.IMHO dovrebbe essere una saggia politica centralizzaa che... Leggi tutto
7-2-2012 12:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una cittÓ online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (1083 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics