Copyright, AGCOM chiede l'intervento del Governo

Una norma apposita già allo studio darà all'Autorità i poteri necessari per regolamentare il diritto d'autore nel web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-03-2012]

agcom diritto autore governo

Si è svolta ieri in Senato l'ultima puntata della vicenda circa la delibera su cui AGCOM sta lavorando a proposito della difesa del copyright nel web.

Davanti alla VII e all'VIII Commissione del Senato, Corrado Calabrò, presidente dell'Autorità, ha presentato la propria relazione sullo stato dei lavori, che peraltro non sembrano essere a buon punto.

È ormai diverso tempo, infatti, che l'AGCOM raccoglie pareri e lavora su un bozza per riformare il diritto d'autore - con tutto il contorno di proteste che ciò ha generato per via dei poteri che l'Autorità pare avere intenzione di arrogarsi - ma Calabrò afferma che la fine potrebbe non essere poi così vicina.

Il perché, dopo che il presidente di AGCOM ha suggerito di far regolamentare una materia tanto fluida e per natura internazionale all'Europa o meglio ancora all'ONU, emerge dalle battute finali.

«Il nostro compito, intanto, è quello di applicare le leggi vigenti» ha affermato Calabrò. «Ci rafforza in tale convincimento la norma di legge predisposta dalla Presidenza del Consiglio che ribadisce la legittimazione dell'AGCOM e ne definisce meglio la competenza e i poteri nella materia del diritto d'autore. Attenderemo che tale norma veda la luce prima di adottare il regolamento predisposto. Nel segno della legge e con una sensibile e non banale apertura mentale, come sempre».

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2791 voti)
Leggi i commenti (12)

Pare insomma di capire che non solo finora AGCOM non disponesse dei poteri necessari per intervenire in materia nel modo in cui le sarebbe piaciuto (come da più parti si suggeriva) ma anche che il Governo si sta preparando a fornirglieli.

Prima che la delibera possa vedere la luce è quindi necessario che il governo sani una situazione che, a quanto si deduce della parole di Calabrò, è irregolare: l'AGCOM si sarebbe messa a parlare di argomenti senza che ne siano ben chiare «la competenza e i poteri nella materia del diritto d'autore», tanto da esserci bisogno di una ridefinizione tramite norma di legge.

La rivelazione ha suscitato reazioni opposte ma ugualmente veementi: da un lato c'è chi fa notare come una situazione già poco chiara ora non faccia altro che peggiorare, con una norma appositamente creata per consentire ad AGCOM di esercitare quei poteri che desidera.

Dall'altro, invece, c'è chi - come Confindustria Cultura Italia - sperava in una rapida pubblicazione della normativa e ora si dice sconcertato «per l'ennesimo temporeggiamento dell'AGCOM sulla pirateria digitale».

Tutti scontenti, a quanto pare: e mentre la situazione continua a inasprirsi, si avvicina la scadenza (fissata per maggio) dell'attuale Consiglio dell'AGOM; nonostante le pressioni di Confindustria è possibile che sarà il nuovo Consiglio a deliberare in materia, e il contenuto della delibera dipenderà molto da chi vi siederà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Agcom approva il nuovo regolamento, ora la parola al Tar

Commenti all'articolo (4)

La prepotenza delle lobbies italiane, appoggiata da questo governo "tecnico" che di tecnico non ha proprio nulla e fa quasi rimpiangere i vecchi governi pentapartito o CAF (Craxi-Andreotti-Forlani per chi è molto giovane), è veramente smisurata e incontenibile... :incupito: Up patriots to arms... :assault:
24-3-2012 15:40

{sad paul o'good}
i veri hackers, quelli riconosciuti secondo l'RFC 1392, come scritto sull'Internet Users' Glossary, appoggiano il diritto d'autore per quanto vi possa sembrare strano. essi hanno il rispetto per il lavoro altrui, essi non fanno man bassa del materiale sotto CopyRight e trovo persino offensivo definirlo CopyRight. CopyRight nasce da due... Leggi tutto
23-3-2012 12:53

Al Paese, proprio nulla; ai Contribuenti invece sì, e pure tanto. Anche perché, cacciata (forse) l'ACTA dalla finestra, l'Agcom la farà rientrare dalla finestra accogliendola a braccia spalancate. Perché ormai da noi le cose a livello di governo e sottogoverno funzionano come tra i proverbiali ladri di Pisa.
22-3-2012 14:24

E quanto è che costano al paese queste... commedie? :evil:
22-3-2012 11:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (5009 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 ottobre


web metrics