Cyberlocker, chi sale e chi scende

La chiusura di Megaupload ha sconvolto il panorama dei cyberlocker. Ecco chi ci ha guadagnato e chi ci ha perso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2012]

megaupload cyberlocker classifica

La chiusura di Megaupload, un paio di mesi fa, ha avuto come effetto immediato un rapido cambiamento nel mondo dei cyberlocker, facendo crescere all'improvviso i contatti verso servizi che fino a quel momento erano rimasti all'ombra del re.

Tale situazione non era però destinata a durare, e infatti oggi abbiamo un panorama che è ancora diverso da quello che si era delineato a gennaio, in parte anche per le azioni successive che hanno portato anche alla chiusura di altri servizi, compresi diversi siti BitTorrent.

Tra i cyberlocker (e servizi affini) che oggi non godono più di ottima salute troviamo Fileserve, Filesonic, FileJungle, UploadStation e Filepost.

Fileserve, in particolare, ha subito un triste destino: se nel 2011 era al settimo posto tra i 10 servizi più usati secondo la classifica di TorrentFreak, oggi ha visto calare drasticamente i propri utenti anche a causa della decisione di bandire temporaneamente la condivisione da parte di terze parti e rimuovere il programma di ricompense; le visite giornaliere sono così passate da quasi quattro milioni (gennaio 2011) a circa un milione (oggi).

Fato simile per Filesonic (da quasi 3 milioni a 750.000 utenti giornalieri), Filejungle (che ha perso il 90% degli utenti), UploadStation (da 1 milione a meno di 250.000) e Filepost (da 700.000 a 400.000).

Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3465 voti)
Leggi i commenti (8)

Se la cavano invece un paio di siti - Hotfile e FilesTube - la cui frequentazione è rimasta più o meno costante: nel primo caso ora il numero di visitatori è di poco inferiore a quello di gennaio, mentre nel secondo praticamente non si registrano variazioni.

Ci sono, infine, alcuni siti che da questa situazione hanno guadagnato. In testa c'è Depositfiles, che da gennaio a oggi ha visto raddoppiare i propri utenti giornalieri (ora più di due milioni) ma anche Rapidshare che, dopo un anno in cui i visitatori continuavano a calare anche a causa delle misure antipirateria adottate, da gennaio 2012 ha visto i numeri tornare a crescere.

Da segnalare in crescita anche Mediafire (che viaggia sui 5 milioni di utenti giornalieri), 4Shared (stabile da ottobre a circa 8 milioni) e Uploaded, che dagli avvenimenti di gennaio ha soltanto guadagnato, passando da circa 600.000 utenti giornalieri a poco meno di 2 milioni.

Fileserve
Filesonic
FileJungle
Depositfiles
RapidShare
Mediafire
4Shared
Uploaded

.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La MPAA vuole 500 milioni da Hotfile
L'evoluzione di MediaFire prevede streaming e spazio gratis

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3993 voti)
Settembre 2020
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tutti gli Arretrati


web metrics