Kim Dotcom torna online

Il fondatore di Megaupload può di nuovo accedere a Internet, nuotare in piscina e lavorare al proprio album.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-04-2012]

kim dotcom online

Prima è tornato in libertà (vigilata), ora torna in Rete: Kim Dotcom, il fondatore di Megaupload arrestato a gennaio è riuscito a ottenere alcune importanti modifiche alle condizioni del rilascio.

Notando come Dotcom si sia comportato bene da quando è stato rilasciato, il giudice chiamato a decidere ha stabilito che il divieto di accesso a Internet, imposto dopo il pagamento della cauzione, può essere rimosso.

Gli avvocati di Kim Dotcom avevano in realtà protestato sin da subito, sostenendo che l'accesso alla Rete fosse indispensabile al loro assistito per poter coordinare la propria difesa.

Inoltre, Dotcom avrà anche diritto a 90 minuti al giorno di accesso alla piscina della tenuta dove si trovava al momento dell'arresto (ha bisogno di nuoto quale terapia per alcuni problemi alla schiena) e a due viaggi alla settimana ai Roundhead Studios di Auckland, dove sta lavorando a un album in collaborazione con artisti internazionali.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Infine, i tre collaboratori del fondatore potranno fargli visita una volta alla settimana, e per un periodo massimo di sei ore, al fine di lavorare sulla difesa in tribunale.

L'udienza per l'estradizione negli USA è fissata per il mese di agosto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

I poveri cristi marciscono e basta!
7-4-2012 17:13

Marciscono anche fuori. Basta andare al cimitero.
5-4-2012 17:41

{myheartisblack}
insomma come al solito i milionari fanno quel che vogliono e i poveri cristi marciscono in galera...
5-4-2012 05:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2574 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics