A Londra un quartiere tutto Ikea

L'azienda svedese lo costruirà e gestirà direttamente, affittando le case a chi sarà in cerca di un quartiere modello.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-04-2012]

ikea strand east

Ikea vuole pensare in grande; non si accontenta più di realizzare mobili che poi finiranno in tutte le case: ora vuole realizzare le case stesse.

A Londra, nelle vicinanze della zona dove si svolgeranno le Olimpiadi di quest'anno, nel 2013 sorgerà un quartiere adatto progettato, realizzato e gestito da Ikea.

L'area, vasta 11 ettari, si chiamerà Strand East e comprenderà un totale di 1.200 case, il 40% delle quali saranno grandi a sufficienza per ospitare famiglie con figli.

Nessuna sarà in vendita: tutte verranno concesse in affitto, e Ikea si occuperà della gestione dell'intero quartiere, come il padrone di casa di migliaia di persone. L'affitto sarà - sostiene l'azienda - accessibile a tutti.

Le auto saranno bandite dalle strade interne: un parcheggio sotterraneo permetterà ai residenti di lasciarle in luoghi sicuri, mentre all'interno di Strand East si muoveranno a piedi o con i mezzi pubblici.

Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novità
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novità dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novità da Twitter
Seguo le novità da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (6309 voti)
Leggi i commenti (13)

«Abbiamo una vasta esperienza di pratiche quali la raccolta dei rifiuti, la pulizia, la gestione del territorio» ha dichiarato Andrew Cobden, direttore del progetto. «Saremo irremovibili circa la presenza di attività indesiderate».

L'idea prevede per esempio un sistema di tunnel sotterranei per rimuovere la spazzatura, e un impianto idroelettrico per generare elettricità; le grandi catene commerciali saranno bandite, ma vi saranno piccoli negozi e un hotel da 350 stanze. È prevista inoltre la presenza di una scuola, un asilo nido e un ospedale.

ikea quartiere manuale

L'obiettivo non è soltanto creare un quartiere modello, ma una vera comunità tra i residenti. «Ci sarà un calendario che sarà consegnato porta a porta e conterrà gli eventi imminenti - e ciò creerà un senso di appartenenza. Gli daremo forma, non lo imporremo alla gente, ma cercheremo di tenere unita la comunità» ha spiegato ancora Cobden.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
IKEA lancia i mobili di carta
Pannelli solari fai da te in vendita all'Ikea

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

La vera tristezza (scusa Zievatron, ti cito ma non ce l'ho con te) è che questa idea di creare quartieri con servizi che funzionano ce la deve avere per forza un privato: mezzi pubblici per tutti, rifiuti raccolti porta-a-porta automatizzati, infrastrutture (banche, uffici postali, negozi, ospedali, ecc.). Dovrebbe essere soprattutto... Leggi tutto
16-4-2012 11:32

{utente anonimo}
Ma se questo quartiere fornisce: - Acqua - Elettricità - smaltimento rifiuti - sicurezza - scuola - sanità - rete viaria - rete fognaria il tutto a un prezzo che la proprietà evidentemente ritiene equo... ...Perché mai chi ci vive dovrebbe pagare le tasse?
15-4-2012 23:55

A me ricorda tanto "Milano 2" oppure la "New Town" del berla...
15-4-2012 19:40

{alex}
Trovo sia una splendida idea ci fosse a Milano avrebbe sicuramente successo
14-4-2012 21:53

Ah! Che tristezza! :(
14-4-2012 20:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1897 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 maggio


web metrics