Akamai: in Italia il primato europeo della banda stretta

Le connessioni a Internet italiane sono ancora troppo lente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2012]

italia connessioni lente

Non troppo buono, specialmente per quanto riguarda l'Italia: è questo lo stato di Internet secondo l'ultimo rapporto trimestrale pubblicato da Akamai.

Il rapporto si riferisce all'ultimo trimestre del 2011 e si basa sull'analisi del 30% del traffico web, analizzato tramite la piattaforma Akamai Intelligent Platform.

Uno dei dati più interessanti è la situazione delle velocità di connessione medie dei singoli Paesi.

Globalmente, la velocità media è scesa del 14% nell'ultimo trimestre del 2011, attestandosi sui 2,3 megabit al secondo; allargando lo sguardo a comprendere l'evoluzione di 12 mesi, la velocità è salita del 19%.

Anche in Italia si è assistito a un calo della velocità, che mediamente è pari a 3,9 Mbit/s (il calo nel trimestre è del 4%, sebbene l'aumento su base annua sia del 12%) e si trova molto lontano da quella del Paese più veloce d'Europa, ossia i Paesi Bassi, che si assestano sugli 8,2 Mbit/s.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocità?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)

In compenso - se così si può dire - l'Italia detiene il primato delle connessioni a banda stretta (sotto i 256 kbit/s) e quello degli attacchi da reti mobili: il 24% del traffico malevolo di questo tipo ha origine nel nostro Paese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Intendi l'avatar? Io sono un amante dei gatti, porto gli occhiali e fumo anche a pipa vicino al mio portatile. Mi sono fatto una foto, insomma.... Ciao
9-5-2012 01:58

MDA! Sei diventato quasi carino! :D Hai fatto interventi di chirurgia estetica? Cure ormonali? :lol:
8-5-2012 22:58

Non pagarli bene ma stra-pagarli e vari trucchetti (false spese) per accaparrarsi i soldi comodamente depositati nelle banche Svizzere e delle Caiman e simili! Come fanno all'estero che hanno tariffe molto più basse e ostacoli territoriali/legislativi/tecnologici maggiori, stipendi e tutela dei lavoratori semplici più rigidi e qualità... Leggi tutto
8-5-2012 21:31

Ma se tutto va in malora, questi top manager riccamente retribuiti a che servono? Giusto a farci mandare in malora! :shock: Galera a vita ed esproprio dei beni ci vorrebbe, altrocchè. :evil:
6-5-2012 20:56

A me, francamente, sembra che i top manager continuino a pagarli piuttosto bene in questo paese, sono i dipendenti comuni che vengono licenziati o esternalizzati (che è poi un licenziamento differito). In quanto al fatto che noi ci attacchiamo condivido. Leggi tutto
6-5-2012 19:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (781 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics