Pirate Pay blocca i Torrent con la benedizione di Microsoft

Una nuova tecnologia, finanziata dal gigante di Redmond, disturba le connessioni tra i client BitTorrent.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-05-2012]

pirate pay blocca bittorrent

Arriva dalla Russia l'ultima minaccia per gli utenti di BitTorrent o, quantomento, per chi usa il popolare protocollo per condividere materiale protetto dal copyright.

Si chiama Pirate Pay ed è a un tempo il nome della tecnologia adoperata per disturbare i download di materiale illegale e dell'azienda che l'ha sviluppata.

Il sistema, i cui dettagli di funzionamento non sono stati rivelati, è nato quasi per caso mentre i suoi ideatori stavano lavorando a una soluzione di gestione del traffico per un ISP.

Si sono accorti di aver realizzato un sistema in grado di bloccare il download di certi file.

«Abbiamo usato» - spiega Andrei Klimenko, CEO di Pirate Pay, raccontando di come è stato protetto un film russo grazie a questa tecnologia - «un certo numero di server per creare una connessione a ogni client P2P che distribuiva il film, Quindi Pirate Pay ha inviato del traffico specifico per nascondere ai clienti gli indirizzi IP degli altri client, costringendoli a disconnettersi».

Sondaggio
Saresti favorevole a una "tassa sull'ADSL" per poter scaricare film e musica liberamente?
No
Non lo so.

Mostra i risultati (13321 voti)
Leggi i commenti (20)

L'idea è piaciuta anche alla filiale russa di Microsoft, che ha stanziato 100.000 dollari da destinare allo sviluppo di Pirate Pay: è anche grazie a questo denaro che ora la tecnologia è pronta a vendersi alle major che vogliono difendere le proprie opere.

Il risultato del primo test - stando a quanto dichiarato dall'azienda - è stato il blocco di 44.845 trasferimenti; non è dato sapere quanti download siano invece stati portati a termine con successo.

Per proteggere un'opera, Pirate Pay chiede tra i 12.000 e i 50.000 dollari, ma il vero problema per le case discografiche e cinematografiche che vogliano avvalersene è essere sicuri che la tecnologia funzioni, che l'investimento sia ben ripagato e soprattutto che la spesa non sia superiore alle millantate perdite che la pirateria causerebbe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

beh, possibile.... potrebbe anche essere un gridare "al lupo al lupo" tanto per spaventare qualcuno? c'è poi la possibilità che essndo di microsoft riesca a fare danni in questioni completamente diverse....
26-6-2012 13:24

@Eratostene Tu ti aspetti che si vedrà? Io mi aspetto che verrà fuori qualche "problema tecnico" per cui non ne faranno più niente. =)
16-5-2012 14:29

ecco.. così si vedrà davvero la questione delle perdite, se ci sono o sono solo millantate: basta vedere chi pagherà e per cosa.... dopodichè, specialmente se io fossi all'inizio di una carriera artistica, tenderei a distribuire gratis più copie possibili per farmi pubblicità. onestamente mi potrebbe rompere le balle a "carriera... Leggi tutto
16-5-2012 08:14

Già adesso esiste la possibilità che sia illegale. Dopo una probabile futura revisione delle regole che riconoscerà esplicitamente la legittimità del file sharing di copie di qualsiasi cosa (segreti di stato a parte) non potrà più essere usato. A quel punto le major potranno tirare un respiro di solievo, perchè l'estorsione di questi tre... Leggi tutto
15-5-2012 19:59

Ho la sensazione che sia un metodo illegale, secondo me potrebbe essere interpretato come intrusione abusiva, o qualche reato simile :?
15-5-2012 12:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2672 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics