Occhiali a realtà aumentata per ipovedenti

Analizzano l'ambiente circostante ed evidenziano gli ostacoli, permettendo a chi li indossa di muoversi con sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2012]

occhiali realtà aumentata ipovedenti

Mentre Google lavora al Project Glass - gli occhiali a realtà aumentata - all'Università Carlo III di Madrid stanno seguendo un progetto per certi versi analogo, ma destinato a chi ha difficoltà di visione.

Per ora si tratta soltanto di un prototipo, ma già funzionante: si tratta di un paio di occhiali particolari - dotati di due telecamere e collegati a un piccolo computer - che, sfruttando un software apposito, analizzano l'ambiente circostante ed evidenziano gli ostacoli in cui può incorrere chi li indossa.

Tali ostacoli vengono poi colorati in maniera diversa a seconda della distanza, e in questo modo chi soffre di problemi alla vista può muoversi ugualmente con sicurezza, recuperando il campo visivo di una persona sana.

L'obiettivo finale è produrre occhiali che non diano alcun fastidio quando indossati e la cui elettronica sia abbastanza piccola da poter essere tenuta tranquillamente in tasca.

Sondaggio
Secondo te, in quale di questi campi la realtà aumentata potrebbe portare più innovazione?
Medicina
Beni culturali
Videogiochi
Entertainment
Architettura
Altro (specificare nei commenti)
Realtà de che?

Mostra i risultati (2922 voti)
Leggi i commenti (19)

Nel frattempo, il prototipo sta venendo testato dall'Istituto di Oftalmologia Applicata dell'Università di Valladolid, in modo da poter raccogliere nuovi dati e migliorare il prodotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E questo per me è un grande vanto, grazie.
26-6-2012 09:57

@Blind (nomen omen): lo faccio per dare il cattivo esempio.. ma tu hai superato il maestro.. :wink:
25-6-2012 17:40

Se fossi non vedente non potresti leggere il mio commento... comunque mi spiace rovinare le vostre fantasie ma i disabili come chiunque altro si impigriscono e si abituano alle tecnologie. E questo fa sì che non sviluppino capacità che sarebbero molto utili. Tutti noi potremmo essere eccellenti corridori o essere snelli e in buona salute... Leggi tutto
25-6-2012 17:12

Io punterei all'allenamento del cervello prima di postare.. :what: Leggi tutto
25-6-2012 16:50

"Impigrire il non vedente"? Se fossi un non vedente ti prenderei a mazzate ;)
25-6-2012 10:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (778 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics