Cassazione: niente privacy in condominio, sì alle telecamere

Un vuoto normativo dà il via libera all'installazione delle telecamere nelle aree comuni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2012]

telecamere privacy condomini

C'è un vuoto normativo - fatto rilevare dalla Corte di Cassazione - a causa del quale in buona sostanza le norme sulla privacy che regolano l'installazione delle telecamere di sorveglianza in certi casi non si applicano.

Il problema è venuto alla luce quando la Suprema Corte ha dovuto esaminare il caso di una donna assegnataria di un'abitazione nella palazzina dell'ex suocero.

Quest'ultimo aveva fatto installare delle telecamere che puntavano sul portone d'ingresso e sull'accesso ai piani (avendo ricevuto minacce in precedenza e volendosi proteggere), telecamere che facevano sentire la donna - non più moglie del figlio del padrone di casa - sorvegliata dall'ex marito.

Così questa si era rivolta al Tribunale, che in effetti le aveva dato ragione facendo riferimento alla violazione della privacy, e aveva ordinato la rimozione delle telecamere.

Di ricorso in ricorso il caso è andato avanti sino alla Cassazione, i cui giudici hanno però rilevato con la sentenza numero 14346 che il proprietario unico di un immobile ceduto in affitto o in comodato, per il quale non si sia costituito il condominio (come per l'appunto nel caso della donna), ha tutto il diritto di installare le telecamere: la legge sulla privacy esclude infatti i proprietari unici, che possono monitorare anche le parti comuni purché «per fini esclusivamente personali».

Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2709 voti)
Leggi i commenti (11)

Il problema della mancanza di una legislazione chiara in materia di privacy per questi casi si applica anche ai condomini: nella stessa sentenza la Cassazione ricorda che già nel 2008 il Garante aveva segnalato a Parlamento e Governo «l'inesistenza di una puntuale regolamentazione della materia».

In particolare «non sono stati identificati né i soggetti la cui manifestazione di volontà è necessaria nel contesto condominiale per svolgere tali trattamenti (i proprietari e i titolari di diritti reali parziari o anche soggetti diversi, primi fra tutti i conduttori), né le eventuali maggioranze da rispettare».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Nel mio condominio c'è e ne apprezzo molto la presenza!
1-9-2012 17:01

{gianni}
Salve a tutti, volevo fare presente che se si tratta di un unico proprietario dello stabile è inutile parlare di condominio.
31-8-2012 09:37

Questa è l'Italia ragazzi... non mi direte che vi stupite ancora! :wink:
30-8-2012 18:41

Della serie: tutto è buono per imbrogliare e se ne inventano sempre di nuove. :roll:
30-8-2012 17:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (778 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics