AMD non crede più in Linux

Chiuso il centro di sviluppo di Dresda, che si occupava di sviluppare parti del kernel Linux per supportare le piattaforme AMD.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-11-2012]

amd linux

Il piano di ristrutturazione aziendale deciso da AMD avrà una pesante influenza sugli sviluppatori dell'azienda che sino a oggi lavoravano per il sistema operativo Linux.

AMD ha infatti chiuso l'Operating System Research Center di Dresda (Germania), dove venivano sviluppati elementi del kernel di Linux finalizzati al supporto dei processori AMD.

In particolare, i 25 programmatori di Dresda lavoravano sui processori per server, ma scrivevano anche codice ed estensioni per il supporto alle tecnologie PowerNow e Turbo Core per le CPU desktop.

Il lavoro comprendeva anche l'integrazione delle nuove piattaforme AMD in distribuzioni dedicate alle azinede, come Red Hat Enterprise Linux e SuSE Linux Enterprise.

Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti già lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11408 voti)
Leggi i commenti (123)

Non verrà invece colpito dai tagli il dipartimento (4 persone in tutto, a quanto pare) che si occupa dello sviluppo di driver per le schede grafiche e per i chip grafici integrati nelle APU dell'azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
AMD, licenziamenti in vista
Trinity, AMD promette la potenza di un i5 al prezzo di un i3

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 33)

Notizia gustosa, non l'avevo sentita. E pensare che c'e' ancora qualche furbone che pensa che lavorare a sorgente aperto equivalga a perdere denaro. Qualcuno mi sa dire come si e' evoluta nel frattempo la situazione del supporto ai driver linux AMD, sempre se si e' evoluta? Non sono molto informato a riguardo, la mia regola operativa... Leggi tutto
17-12-2013 03:11

@MK66, eratostene Non ci sarebbero problemi per Linux su AMD, l'architettura (x86, nelle sue implementazioni amd64, emt64 ecc) è COMUNE a tutte le CPU AMD ed Intel con la sola eccezione di Itanium di Intel e dei SoC Seattle (ARM) di AMD. Semplicemente nella PEGGIORE (e non realistica) ipotesi le eventuali nuove istruzioni aggiunte da AMD... Leggi tutto
18-11-2013 00:07

questo vale sempre :) Leggi tutto
16-11-2013 23:33

@eratostene Tecnicamente funziona su tutte! Il caso AMD è rimasto al palo per Suse e qualcun altro (che poi moltissime CPU AMD ci girano lo stesso), ma ci sono distro fatte apposta per AMD. Sono solo le macchine vecchissime o quelle nuovissime in cui puoi avere dei problemi. Dato che in Italia le macchine arrivano già vecchie dagli... Leggi tutto
16-11-2013 23:21

quindi comunue vale come al solito la questione "prima di prendere una macchina accertati che funzioni con linux".. grazie
16-11-2013 21:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3437 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics