Io, Beppe Grillo e la Rete: intervista a Vittorio Bertola

Secondo uno dei primi pionieri di Internet, il M5S raggiungerà alcuni obiettivi e poi si scioglierà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2012]

bertola

Abbiamo posto qualche domanda a Vittorio Bertola, esperto di Internet e uno dei primi in Italia a seguire Beppe Grillo, oggi consigliere comunale e capogruppo del Movimento 5 Stelle a Torino.

ZN: Secondo te cosa caratterizza veramente il Movimento 5 Stelle in più e di meglio per chi vuole garantire la libertà nella Rete e il suo sviluppo in Italia?

Vittorio Bertola: "Movimento 5 Stelle è al momento, tra le forze politiche di rilevanza nazionale, l'unico "nativo digitale"; l'unico che è nato dalla rete e che utilizza quotidianamente la rete non come una nuova televisione, ma come l'elemento essenziale della discussione e dell'organizzazione della propria attività politica. Sin dal 2006 portiamo avanti la battaglia contro i finanziamenti pubblici all'editoria e contro i vecchi modelli di gestione del diritto d'autore. Il Movimento 5 Stelle è a rete sin nella sua struttura, non avendo gerarchie ma nodi di rete con ruoli e prerogative diverse che dialogano in modo distribuito".

Prosegue Bertola: "I partiti sono invece nati e cresciuti in un mondo di telecomunicazioni di massa unidirezionali e oligopolistiche, in cui il controllo delle poche sorgenti di contenuti implicava il controllo del consenso. A tutt'oggi, essi conservano questa forma mentis e si approcciano alla rete cercando di controllare centralmente ciò che vi circola, non capendola al punto da non capire nemmeno i meccanismi che hanno permesso l'affermazione del Movimento 5 Stelle, derubricandoli a "Grillo controlla la rete come Berlusconi controllava la televisione".

ZN: D'accordo, ma in pratica cosa significa?

Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (1119 voti)
Leggi i commenti (7)

Vittorio Bertola: "Il Movimento ha inserito nel proprio programma di massima alcuni punti specifici per garantire l'accesso a Internet a tutti, tra cui la cittadinanza digitale per nascita, l'accesso gratuito alla rete almeno in termini di servizio di base, la nazionalizzazione della dorsale telefonica, la copertura nazionale della banda larga, l'abolizione della legge Urbani sul peer-to-peer... Altri saranno aggiunti nei prossimi mesi: qualsiasi cittadino iscritto al forum nazionale del Movimento può presentare proposte che, se votate dagli altri partecipanti, saranno aggiunte al programma".

ZN: A livello locale, cosa pensi di aver fatto di buono per Internet?

Vittorio Bertola: "In questo senso noi, come gruppo consiliare comunale del Movimento 5 Stelle, abbiamo presentato diverse mozioni e proposte di delibera sulla trasparenza, relative ad esempio alla pubblicazione online dei curriculum e dei certificati penali degli amministratori cittadini, delle presenze e delle delibere presentate dagli assessori e del rendiconto dettagliato dell'utilizzo dei fondi di funzionamento dei gruppi consiliari, e alla trasmissione in streaming delle sedute delle commissioni consiliari".

"Abbiamo anche presentato un ordine del giorno per sollecitare la Regione Piemonte a rendere esecutiva la propria legge sul wi-fi, tramite l'emanazione dei regolamenti attuativi. Inoltre abbiamo presentato un emendamento alle linee programmatiche del sindaco perché venga garantita la neutralità della rete nell'accesso pubblico a Internet fornito dalla Città".

"I consiglieri di maggioranza che hanno chiesto e ottenuto in dotazione dalla Città un iPad invece che un sistema libero; così come da una parte la maggioranza propone una mozione sugli open data e dall'altra propone una nuova bozza di regolamentazione delle videoriprese in aula che pone ogni genere di ostacolo ai cittadini che vogliano riprendere la seduta e addirittura al riutilizzo delle immagini ufficiali pubblicate dalla Città. In un intervento in aula abbiamo contestato queste contraddizioni: non si può dire di volere il software libero e l'apertura dei dati, tranne quando questo riguarda se stessi".

ZN: Una domanda personale: qualcuno sostiene che tu appartenga a un'ala più liberale del Movimento e altri a un'ala più sociale. Ma queste differenze nel 5 Stelle ci sono veramente o sono invenzioni giornalistiche?

Vittorio Bertola: "Movimento 5 Stelle riunisce persone di ogni provenienza politica, concentrandole su alcuni punti specifici (il rinnovamento della politica, la libertà di informazione, i nuovi modelli macroeconomici basati sulla decrescita, la green economy...); è naturale che sul resto vi possano essere visioni diverse, anche se quella indicata nella domanda è solo una delle possibili dimensioni del dibattito e probabilmente nemmeno la più significativa".

"Forse al momento stanno emergendo di più altre differenze, ad esempio sulle forme di organizzazione interna o sulla scelta tra egualitarismo e meritocrazia. E' possibile che in futuro il Movimento, se riuscirà a provocare il rinnovamento generale delle nostre istituzioni, finisca per poi dividersi in filoni diversi su come ricostruire il Paese, ma è comunque una preoccupazione prematura: del resto lo stesso Grillo, all'evento di fondazione nell'ottobre 2009, disse che l'obiettivo del Movimento era quello di realizzare alcuni obiettivi precisi e poi sciogliersi".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
I videogiochi e la morale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

:lol: :lol: :lol: :lol: la battuta era simpatica e poi, in ogni caso, era proprio ciò che si poteva intendere leggendo solo il titolo. come hai appunto dimostrato con il tuo aneddoto, sembrano in tanti quelli che da due parole si fanno tutto un film. poi, hai ragione, se leggi tutto - anche in quel primo articolo - è abbastanza... Leggi tutto
6-2-2013 21:54

Esattamente. Questa è l'Italia in cui viviamo. Non capirò mai perché riesca così difficile alla gente "ascoltare" una cosa e capirla per ciò che è. Ma in fondo il linguaggio umano ha avuto a disposizione troppo poco tempo per evolversi, sicché siamo ancora in uno stadio in cui non si è mai certi che ciò che diciamo sia capito... Leggi tutto
6-2-2013 18:13

siamo in italia, dove l'innocenza di una frase uscita nell'esaltazione di un comizio e interpretando il malcontento popolare fa più clamore e scandalo di tante altre frasi che promettono ciò che non si vuole realizzare. :lol: :lol: infatti, manco un'ora dopo il mio post, la polemica era già iniziata: comunque la finale -... Leggi tutto
3-2-2013 12:52

Non mi è concesso replicarti adeguatamente, giacché - pur non essendo grillino - sono oltremodo d'accordo sull'auspicio. Di più: se avessi la certezza di non finire in galera, il Parlamento lo bombarderei io :D (lo so, non c'è nulla di più triste di un fiero, irriducibile anarchico che invecchiando diviene vittima della pavidità... ;) )
2-2-2013 22:02

e l'unica differenza infine è che Bossi appare l'anima "trista" mentre il Beppe nazionale vien visto come "l'anima comica". Leggi tutto
2-2-2013 21:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1722 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 maggio


web metrics