ICANN, i domini personalizzati sono dietro l'angolo

Entro la metà del 2013 debutteranno i primi TLD con i nomi di marchi, aziende e città. Alla fine dell'anno saranno già centinaia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2013]

icann tld personalizzati

Il processo di lancio dei gTLD personalizzati è giunto a un nuovo, importante passo.

L'operazione che porterà al debutto dei domini di primo livello nati dai nomi di aziende, marchi e città (ma in pratica quasi qualsiasi cosa, a questo punto, potrà diventare un TLD) è infatti iniziata ormai oltre un anno fa, e molti soggetti hanno già inviato all'ICANN le proprie proposte.

È arrivato quindi il momento di lanciare i primi domini disponibili e, stando a quanto ha dichiarato il CEO di ICANN Fadi Chehade, ciò avverrà entro la metà di quest'anno: la prima fase prevede il lancio di tutta una serie di TLD in cinese e in lingue diverse dall'inglese.

Poco dopo sarà la volta di quei domini in inglese e sui quali non ci sono controversie: è infatti facile capire come un ampliamento di questa portata nei nomi utilizzabili porti diversi soggetti a desiderare di possedere lo stesso dominio.

L'elenco dettagliato dei nomi non sarà pubblicato che ad aprile, ma l'ICANN ha fatto sapere che è lecito aspettarsi cose come .aetna, .cadillac, .quebec o .like.

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2830 voti)
Leggi i commenti (12)

Altri domini - come .app, .music e .tech - invece impiegheranno di più ad arrivare, poiché sono molti i gruppi che se li contendono.

Per rendersi conto di quanto si amplieranno le possibilità, basti dire che lo scorso hanno l'ICANN ha ricevuto oltre 1.400 proposte da quasi 2.000 aziende e gruppi.

La decisione di una tale esplosione di nomi è dovuta al fatto che, ormai, i nomi "buoni" e facili da ricordare sono ormai presi pressoché tutti se ci si limita ai TLD tradizionali, e le aziende proprio di questi hanno bisogno.

Perché il tutto avvenga con ordine, il 26 marzo l'ICANN darà il via al progetto Trademark Clearinhouse, tramite il quale le aziende potranno proteggere i propri marchi: il sistema, gestito da IBM e Deloitte, permetterà di difendere la proprietà intellettuale a fronte di un canone annuale di 150 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1131 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 giugno


web metrics