L'ecommerce secondo Casaleggio

La Rete è ormai indispensabile per fare acquisti: grazie anche ai social network si raccolgono le opinioni, si confrontano i prezzi e si paga con i sistemi elettronici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2013]

ecommerce italia

Nonostante la crisi, o forse proprio grazie a essa, gli italiani che fanno spese online sono in aumento e pressoché tutti, prima di procedere all'acquisto, si affidano alle recensioni e alle altre informazioni che possono ricavare dal web.

Secondo l'ultimo sondaggio di Casaleggio Associati, oltre l'85% dei consumatori dichiara che, prima di acquistare un prodotto o un servizio offline (in negozi, supermercati e via di seguito), cerca informazioni online per capire la qualità e la popolarità della marca, per consultare le recensioni scritte da altre persone e per comparare i prezzi.

Proprio le recensioni sono percepite come le informazioni più importanti che si possano trovare in Rete: sono in grado di spingere oltre il 50% di chi le legge ad avere una buona o ottima impressione sulla marca; al secondo posto nella classifica degli elementi che portano a formarsi una buona impressione c'è il miglior prezzo (unito alla spedizione gratuita), che sembra essere tornato uno dei parametri decisionali che maggiormente aiuta l'utente ad effettuare l'acquisto.

Anche l'ampiezza della gamma - ossia la varietà di articoli o prodotti messi in vendita - è un altro fattore molto gradito .

Sondaggio
Qual è il motivo che ti spinge maggiormente (oppure no) ad acquistare online?
La facilità di acquisto
La presenza di maggiori sconti e promozioni
La possibilità di evitare i centri commerciali
Una più ampia visibilità delle promozioni in corso
La possibilità di valutare tutte le opzioni
Poter acquistare anche all'ultimo momento

Mostra i risultati (2155 voti)
Leggi i commenti (12)

Considerata anche la diminuzione degli investimenti fatti dalle aziende nei media tradizionali (radio, televisione e stampa), le persone ormai si aspettano di trovare le soluzioni ai loro problemi sul web, in particolare grazie all'aiuto di smartphone e social network.

I dispositivi mobili, soprattutto, paiono sempre più destinati a fare la parte del leone quando si tratta di decidere quale sia il mezzo più adoperato per accedere a Internet.

Si prevede che nei prossimi 3-4 anni il numero di persone che accederanno da dispositivi mobili supererà quello di coloro che accedono via computer.

ricerche da smartphone

Le molte funzionalità e la "portabilità" di questi dispositivi permettono la ricerca di informazioni, il confronto dei prezzi, il riscatto dei coupon e l'acquisto online in maniera semplice e veloce; si calcola già oggi un 5% di vendite complessive derivi da sistemi mobili, percentuale che nel gioco d'azzardo arriva addirittura al 30%.

Ci sono poi altre abitudini da considerare per avere un quadro completo dell'evoluzione dello shopping online italiano: per esempio emerge il fatto che il 52% dei nostri connazionali naviga dal proprio smartphone mentre guarda la TV; inoltre si registra che la predisposizione degli utenti a navigare nei social network è aumentato del 25% in questi primi mesi del 2013.

In questo campo, a parte un leggero e recente calo nella crescita, Facebook resta il social network più utilizzato: i suoi utenti giornalieri sono circa 15 milioni, di cui circa 10 si collegano da dispositivi mobile.

social network italia

Seguono a ruota Google+ con 3,5 milioni di utenti giornalieri e Twitter a quota 3,3 Milioni.

Attualmente il 18% del tempo speso sul web viene trascorso sui social network: la media mensile è di quasi 10 ore, mentre circa il 60% della popolazione Italiana ha un profilo su Facebook.

Tutto considerato appare quindi logico che le persone chiedano aiuto o consigli ai propri amici o follower prima di fare acquisti, su portali di e-commerce o in negozi "reali".

Chiudiamo questa panoramica con un dato confortante e per certi versi inaspettato, considerata la cultura del "facile sospetto" che contraddistingue il popolo italiano: più del 70% degli utenti che acquistano online preferiscono pagare attraverso sistemi elettronici; le carte di credito - ricaricabili e no - sono i mezzi più usati, e naturalmente non manca PayPal. Pochi sono coloro che aspettano di avere la merce tra le mani prima di pagare e si affidano al contrassegno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone Mozzato

Approfondimenti
Hackerato il profilo Twitter di Casaleggio
La carta di credito veramente virtuale
Chiuso Silk Road, l'Amazon della droga

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

.Giuseppe Barbagallo.
Salve Dottor Mozzato, sono Barbagallo, laureando in Economia internazionale presso la Facoltà di Economia dell'Università la Sapienza di Roma. Sto svolgendo la tesi sul social commerce e volevo chiederLe se può indicarmi articoli, papers recenti sul tema. La ringrazio per l'attenzione. Giuseppe Barbagallo
3-11-2013 18:15

Penso che si riferisca su queste indagini, qui un esempio: Leggi tutto
15-5-2013 02:30

Compri i CD/DVD all'estero per non pagare la tassa, CONFESSA!!! :lol: :lol: :lol: Scherzo! Tornando seri lui (lo conobbi di persona molti anni fa, persona molto intelligente e preparata) si riferisce sulle ricerche universitarie svolte in Italia, ovviamente dato che è "riportista" la cosa appare poco chiara. Metto in... Leggi tutto
15-5-2013 01:18

E' acerbo come una banana appena tolta dall'albero di una mega piantaggione. :lol:
14-5-2013 20:58

Trovo la ricerca della Casaleggio piuttosto arruffona e confusionaria, un guazzabuglio di informazioni non sempre direttamente correlate. Detto questo, mi spaventa sapere che l'italiano medio affidi le sue scelte ad un social network: essendo un web-buyer (perdonate il neologismo...) pressoché totale passo molto tempo online alla ricerca... Leggi tutto
14-5-2013 14:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3494 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics