Lo strano caso della resurrezione di Demonoid

Il famoso tracker rinasce con un nuovo nome, poi viene chiuso per la presenza di malware, quindi torna di nuovo. Riuscirà a resistere?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-05-2013]

demonoid d2

Sono ormai passati 10 mesi da quando Demonoid, uno dei più popolari tracker BitTorrent, è stato chiuso.

In questo periodo le voci circa un suo ritorno - come peraltro già accaduto in occasione di passate chiusure - si sono susseguite, tra riapparizioni parziali, siti funzionanti a singhiozzo e fake che hanno tentato di sfruttarne il nome.

Da poco una nuova creatura è apparsa in Rete: si chiama D2 e afferma di essere l'erede naturale di Demonoid, di cui ripropone il database così com'era nel luglio dell'anno scorso, quando i server ucraini vennero sequestrati.

La breve esistenza di D2 già fornisce materiale per qualche mistero: subito dopo la sua attivazione le accuse circa la presenza di malware sul sito hanno portato alla sua sparizione, seguita da un cambio di hosting e a un ritorno questa volta "pulito".

Il malware - si dice - era dovuto ad alcuni banner pubblicitari, che ora sono stati rimossi: D2, attualmente, sarebbe completamente sicuro.

Il sito TorrentFreak ha provato a contattare gli amministratori di D2, i quali hanno confermato di essere entrati in possesso in maniera piuttosto rocambolesce del database di Demonoid, di non essere in alcun modo collegati con gli amministratori del sito originale e di aver voluto riflettere questa differenza nel cambio di nome.

«Abbiamo tenuto il codice al sicuro in attesa del ritorno di Demonoid» - hanno spiegato gli amministratori - «ma quando non è tornato abbiamo cambiato il marchio, per differenziarci dal passato di Demonoid e dai problemi collegati, con l'obiettivo principale di mantenere la comunità».

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2305 voti)
Leggi i commenti (12)

Prendendo per buone le dichiarazioni di intenti, il ritorno di Demonoid in questa nuova forma avverrà per gradi: il forum, caratteristica importante del vecchio sito, non tornerà a breve mentre invece verrà lanciato un canale IRC.

Anche il tracker non è esattamente lo stesso: tutti i torrent fanno riferimento a fonti o magnet link esterni, particolare che rende D2 diverso nelle fondamenta da Demonoid.

Ciò è dovuto - spiegano ancora gli admin - a necessità legali e a ragioni di efficienza; inoltre il lavoro è ancora in corso, e molte funzioni ora mancanti riappariranno in seguito.

Quanto all'eventuale ritorno del sito originale (cosa che potrebbe anche succedere, come il passato dimostra), i gestori sono possibilisti circa una collaborazione: punto centrale sarà appurare la vera identità di coloro che eventualmente si presenteranno come i vecchi amministratori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Demonoid censurato in Italia
Google blocca Demonoid
EzTv nella bufera
Il nuovo Demonoid è un fake
Demonoid risorge a Hong Kong
Il ritorno di Demonoid
Demonoid spazzato via per compiacere gli USA

Commenti all'articolo (1)

Più che una resurrezione sembra un classico caso di sostituzione di persona, con appropriazione di identità. :hide:
20-5-2013 19:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2056 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics