Quattordicenne suicida, Moige contro Facebook

Il Movimento Italiano Genitori denuncia Facebook alla Procura di Roma per omesso controllo. Alcune riflessioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2013]

bambini e social network

Il Moige (Movimento Italiano Genitori) ha recentemente annunciato di aver presentato alla Procura di Roma una regolare denuncia contro Facebook per omesso controllo e vigilanza.

Il caso in oggetto è quello di Carolina, la quattordicenne che si è tragicamente suicidata nel mese di gennaio a causa di atti di bullismo, perpetrati anche on line da parte di diversi suoi coetanei.

E' sacrosanto lo sgomento con il quale ci si accosta a simili disgrazie, e indiscutibilmente condiviso il desiderio di porre in atto qualunque azione per impedire che possano ripetersi in futuro.

Lo stesso Facebook ha prontamente rafforzato le proprie policy di sicurezza: l'intento è quello di essere di maggior supporto agli utenti, affinché si avvalgano in maniera corretta degli strumenti messi a disposizione dal social network.

Nonostante l'indicibile cordoglio per questa terribile digrazia e l'innegabile appoggio morale al Moige, sarebbe opportuno soffermarsi qualche istante sugli aspetti prettamente tecnici e sulle ripercussioni sociali prodotte dalle innovazioni informatiche che ormai da tempo sono divenute d'uso comune.

Forse non è ancora stato percepito, ma ci si trova di fronte a una nuova rivoluzione industriale: la linea di demarcazione è rappresentata dalle generazioni nate prima dell'avvento di Internet e da quelle nate successivamente.

Potenzialità e pericoli dei nuovi canali di comunicazione non sono di facile comprensione per chi è vissuto in un'epoca in cui globalizzazione era un termine futuristico, e l'interazione in tempo reale era possibile solo de visu.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1731 voti)
Leggi i commenti (31)

Internet oggi è l'equivalente di ciò che è stato nel passato l'introduzione della corrente elettrica: un'innovazione dalla portata incredibile per chi ne ha vissuto l'avvento, uno strumento scontato come l'aria per chi è nato successivamente.

Mai come ora il gap generazionale è stato di difficile inquadramento nel tessuto sociale, ancor prima di poter affrontare in maniera costruttiva le problematiche che ne discendono.

"Come genitori non possiamo più tollerare il far west che vivono i nostri figli iscritti senza il nostro consenso a Facebook, la questione dell’accesso e vigilanza è centrale. È grave che una multinazionale come Facebook non effettui una vigilanza sulle piazze virtuali". Lo ha dichiarato Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige.

L'obiettivo su cui focalizzare le attenzioni appare distante:è necessaria una profonda riflessione da parte degli organi preposti al controllo affinchè in ogni Paese venga garantita la sicurezza di ogni cittadino, di qualsivoglia età, colore o orientamento politico, con un occhio di riguardo per le categorie sottoposte a maggiori rischi.

Internet è uno strumento, e va inteso al pari dei mezzi di trasporto: la sola differenza è che la Rete è veicolo di informazioni, idee, fatti, e non di persone fisiche. Facebook è un servizio, e va inteso al pari di un treno o di autobus: la sola differenza è che trasporta e aggrega parole e pensieri, non cittadini.

Demandare a uno strumento (o ad un servizio) l'onere della vigilanza puntuale sul corretto uso da parte della totalità dell'utenza in ogni singolo istante è tecnicamente improponibile. Per il monitoraggio di uno strumento così capillare come Internet occorrerebbero architetture informatiche basate sull'intelligenza artificiale, e per giunta di un livello ben superiore da quello attualmente raggiunto nel campo del web semantico.

Un simile approccio a problemi che di virtuale hanno ben poco è quantomai utopistico, e non potrà mai essere risolutivo quando l'obiettivo perseguito è a titolo di prevenzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quattordicenne arrestata per cyberbullismo su Facebook

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 25)

@zeross Perfettamente d'accordo! Specie se sono le nipoti di Mubarak??? :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
11-6-2013 15:39

Il MOIGE è l'organizzazione che nel 1978 voleva la censura contro Goldrake trasmesso dalla RAI perche diseducativo. :shock: di fronte ad una organizzazione di simili imbecilli tutti si mettono a ridere, ma c'è una roba da tenere in considerazione, che è emersa ma non evidenziata. LO SCIACALLAGGIO! :evil: Il MOIGE e tutte le... Leggi tutto
11-6-2013 13:22

Non penso, io, che volesse dire letteralmente "torturare" ma solo moralmente. Molti suicidi sono la conseguenza dei comitati di genitori bigotti e/o ignoranti... Spesso fanno più danno delle azioni, come si dice "Uccide più la penna che la spada". Il suicidio è un disagio grave acuito dalla incapacità (spesso... Leggi tutto
2-6-2013 15:06

Quoto Roberto1960
2-6-2013 13:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2071 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics