Alternativa a Google Glass? Gli occhiali di Atheer

Comprendono i comandi vocali e permettono di manipolare gli oggetti 3D che proiettano davanti agli occhi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2013]

Atheer Glasses

Se i Google Glass hanno acceso l'interesse di milioni di persone, gli occhiali di Atheer Labs promettono di farle stupire e di rendere ancora più semplice e intuitivo l'utilizzo.

Atheer sta infatti lavorando su degli occhiali a realtà aumentata che rivoluzionano il modo di interagire con loro; al momento, tuttavia, il lavoro è ancora allo stadio iniziale, sebbene un prototipo parzialmente funzionante sia già stato realizzato.

Le specifiche hardware comprendono un paio di schermi (ovviamente), una batteria ricaricabile, il supporto per la connettività Wi-Fi e Bluetooth 4.0, un accelerometro, un giroscopio e una videocamera a infrarossi.

Il sistema operativo utilizzato dal prototipo - realizzato manualmente e non ancora di dimensioni e peso adatti per una produzione di massa - è un sistema open source in grado anche di eseguire le app scritte per Android; gli occhiali possono quindi funzionare come dispositivi standalone o in collaborazione con uno smartphone.

Sondaggio
Secondo te, in quale di questi campi la realtÓ aumentata potrebbe portare pi¨ innovazione?
Medicina
Beni culturali
Videogiochi
Entertainment
Architettura
Altro (specificare nei commenti)
RealtÓ de che?

Mostra i risultati (2754 voti)
Leggi i commenti (19)

La vera novità sta però nell'interfaccia: l'utente infatti non deve fare altro che interagire con gli oggetti che gli vengono proiettati davanti agli occhi e, dal suo punto di vista, sono solidi e tridimensionali; ciò permette un'interazione molto più naturale rispetto alle alternative viste sinora.

«È come la differenza che c'è tra l'utilizzare un mouse e un touchscreen su un normale computer: è una soluzione intuitiva» spiega Sleiman Itani, fondatore di Atheer.

atheer

Inoltre, l'interfaccia è in grado di accettare comandi vocali interfacciandosi con pressoché ogni software di riconoscimento vocale, sebbene queste capacità non siano state abilitate nel prototipo iniziale.

Prima che questi occhiali arrivino sul mercato c'è ancora molto lavoro da fare: per esempio ora si tratta di dare applicazioni concrete alla manipolazione degli oggetti che essi rendono possibile.

Per ottenere l'attenzione degli sviluppatori, indispensabile per questo scopo, Atheer metterà a disposizione delle API.

I piani dell'azienda prevedono un inizio delle vendite nel corso del prossimo anno: c'è quindi tutto il tempo per raffinare la piattaforma.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I MetaPro lanciano la sfida ai Google Glass
Gli occhiali per gli ipovedenti
GlassUp, gli occhiali a realtà aumentata tutti italiani
Google Glass, un pericolo per la privacy?
Google Glass, arrivano le app porno
Google Glass, partono gli inviti per gli utenti comuni
Da Steve Jobs ai Google Glass

Commenti all'articolo (3)


Probabilmente nelle intenzioni dei progettisti, anche questi occhiali dovrebbero poter essere utilizzati camminando, ma a differenza dei Google Glass si propongono di filtrare l'immagine esterna mediante una telecamera. Certo, in caso di malfunzionamento o abbagliamento del sensore, si rischia di dare spettacolo alla wile coyote.
14-6-2013 09:39

Non sono un alternativa ma un altro tipo di oggetto. I Google Glass lasciano quasi tutto il campo visivo libero, solo una piccola parte e' coperta dal display. Si puo' camminare e guidare (cds permettendo) quasi normalmente. Questi invece coprono il campo visivo di entrambi gli occhi, completamente o quasi.
13-6-2013 17:19

Dennou Coil? =P~ =P~ e dopo Sword Art Online =P~ =P~ =P~ =P~ Leggi tutto
13-6-2013 14:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1249 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics