In prova: Buffalo LinkStation 410

IL TEST DI ZEUS - Un NAS single bay di facile installazione, dotato di molte funzioni - dal client BitTorrent all'accesso web - e che funge anche da media server.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-08-2013]

ls410a main

Con il NAS LinkStation 410, Buffalo offre una soluzione a quanti stanno cercando un'unità di rete entry level eppure ricca di funzioni.

Membro della famiglia LinkStation 400, il 410 è un NAS single bay (ossia può ospitare un solo hard disk) con capienza da 2, 3 o 4 Tbyte e basato sul processore dual core Marvell ARMADA 370 a 1,2 GHz con 512 Mbyte di RAM. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual Ŕ la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'Ŕ una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (844 voti)
Leggi i commenti (6)
Sua destinazione principale è il settore consumer e quello dei piccoli uffici, laddove non sono indispensabili caratteristiche avanzate come una configurazione RAID dei dischi ma serve semplicemente un'unità di memorizzazione flessibile e in grado di offrire molte funzioni.

Che con questo prodotto Buffalo stia strizzando l'occhio agli utenti "comuni" è evidente sin dalla confezione, accattivante alla vista, e dal design dell'unità, che si concede alcuni tocchi eleganti come gli angoli smussati e qualche finitura in rosso sul corpo nero.

Considerata la classe di prodotto e il prezzo, non ci si devono aspettare materiali particolarmente sofisticati: il case è realizzato in plastica - ed è un po' prono alle ditate - ma risulta comunque curato; l'attenzione posta da Buffalo nella realizzazione si evince anche dalla base in gomma, pensata per attutire le vibrazioni generate dal disco in funzione e ridurre di conseguenza la rumorosità.

ls 410 03

Abbiamo provato la versione con disco interno da 2 Tbyte, che arriva insieme al cavo di alimentazione, al cavo Ethernet, al CD di installazione e una breve guida per il setup.

Iniziare a utilizzare il NAS è molto semplice: è sufficiente collegare alimentazione e rete, quindi - se si utilizza Windows o Mac OS X - inserire il CD di installazione, sul quale è presente il software che guiderà passo passo nella scelta delle impostazioni iniziali.

In realtà il CD non è indispensabile: se si desidera farne a meno oppure se si adopera un sistema operativo alternativo si può configurare la LinkStation 410 direttamente dal browser.

ls 410 05

L'unica difficoltà che questa operazione può presentare è il recupero dell'indirizzo IP assegnato al NAS di Buffalo, da digitare nella barra degli indirizzi del browser; il software fornito in dotazione rileva automaticamente il dispositivo, ma se non lo si vuole o non lo si può adoperare è necessario interrogare il router oppure per scoprire l'IP si può utilizzare uno dei software reperibili in Rete.

Le fasi fondamentali della configurazione si completano in un attimo; per chi desidera qualcosa in più è disponibile una modalità avanzata che consente di avere un controllo molto più preciso sulle varie impostazioni.

Anche soltanto limitandosi alle funzioni di base, tuttavia, è già possibile eseguire diverse operazioni interessanti: la LinkStation 410 non si limita a essere soltato un dispositivo di memorizzazione, ma offre anche un client BitTorrent integrato, il supporto allo standard DLNA, le funzioni di server USB (che permette di adoperare un dispositivo USB collegato alla porta USB 2.0 del NAS come se fosse collegato direttamente al computer che vi vuole accedere), funzioni di backup con supporto a Time Machine e l'opzione WebAccess.

ls 410 08

Quest'ultima possibilità consente di creare un «cloud personale» come Buffalo stessa lo definisce: in pratica permette di accedere via Internet, tramite un normale browser web, ai dati conservati sul NAS all'interno della rete domestica.

L'interfaccia web che consente di gestire tutte queste possibilità non è particolarmente raffinata o accattivante (in particolare non si è dimostrata particolarmente rapida e a ogni operazione si affolla di popup che si aprono e chiudono automaticamente) ma tutto sommato svolge bene il proprio mestiere, presentando con chiarezza le varie opzioni e guidando così anche gli utenti meno esperti.

Nonostante, come abbiamo già ricordato, l'utenza di elezione sia quella domestica, il NAS di Buffalo supporta anche funzioni avanzate come Active Directory, tipicamente adoperate in ambiente aziendale.

Più interessante per gli utenti è forse la possibilità di fungere da server iTunes o da server di stampa (opzioni accessibili tramite l'interfaccia avanzata).

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Linkstation: tabelle e conclusioni

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
In prova: Buffalo Linkstation 520D
In prova: Belkin AC 1200 DB
In prova: Zyxel WAH 7130
Funzionalità avanzate, FasTrack Plus e NAS
In prova: WD My Net N900
Western Digital fa i router con hard disk incorporato
In prova: QNAP TS-419P
Il NAS per vedere i film via Internet
Il NAS con il telecomando

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro Ŕ un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4210 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics