Google si blocca, crolla metà del traffico web mondiale

Per cinque minuti i servizi principali sono stati inaccessibili: di colpo è sparito il 40% del traffico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-08-2013]

M google down

Forse qualcuno non se ne sarà accorto - dopotutto, il fattaccio è successo nel fine settimana successivo a Ferragosto - ma per cinque minuti Google è scomparso dal web.

È successo venerdì 16 agosto tra le 23:52 e le 23:57, ora italiana: il motore di ricerca, YouTube, Google Drive, Gmail e altri servizi in quei minuti sono diventati irraggiungibili, mostrando soltanto desolate schermate d'errore.

Fortunatamente i tecnici sono intervenuti prontamente e la situazione è tornata velocemente alla normalità, ma quanto avvenuto ha comunque lasciato il segno.

Come ha rilevato la società di analisi GoSquared, in quei fatidici minuti il traffico web ha subito un crollo del 40%: un segno molto evidente di quanto utilizzati siano i servizi forniti dal colosso di Mountain View.

«In qualità di utenti» - spiega Simon Tabor, di GoSquared - «la nostra dipendenza dall'attività dei servizi di Google è gigantesca».

Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti più frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (4073 voti)
Leggi i commenti (6)

Quanto alle cause del problema, Google preferisce non esprimersi; secondo Phil Dearson, di Tribal WorldWide, quei cinque minuti sono costati a Google 500.000 dollari (più di 370.000 euro) di mancati guadagni.

L'ipotesi più probabile al momento riguarda qualche guasto di natura fisica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google regala 2 Gbyte di spazio
Gmail, eliminare la posta già spedita
Skype offline in tutto il mondo, di nuovo
Skype in difficoltà, utenti offline in tutto il mondo
PlayStation Network, lento ritorno alla normalità
Incendio in Aruba, un milione e mezzo di siti italiani down
Facebook irraggiungibile, utenti in astinenza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

No no, io intendevo dire che la prova di forza è di Google: spengo tutto per 5 minuti dicendo che è stato un attacco, e il giorno dopo mi godo i commenti di mezza stampa mondiale che spiega (o crede di spiegare, ma questo è un altro discorso) a tutti che Google NON è solo quel simpatico logo che cambia tutti i giorni, ma la vera... Leggi tutto
26-8-2013 18:12

Ahahaha, verissimo! E moltissimi utonti ricevendo errore da Google non saprebbero neanche dove cliccare o cosa scrivere per trovare un motore di ricerca alternativo :google: :loco: Leggi tutto
21-8-2013 22:48

{Massimo}
C'e' anche il fatto che ormai quasi tutti i siti internet sono infettati da collegamenti a google apis, syndacation e schifezze varie, che se non vengono trovati bloccano l'accesso alle pagine web per alcuni minuti. Questo permette a google di tracciare la navigazione di tutti, ed ai webmaster di fare brutta figura. Insomma se vendete... Leggi tutto
21-8-2013 21:53

Hai ragione, Ziomik! Per quelli che sanno l'inglese, si puo leggere questo: link[/url] e quelli che possono capire il francese, la traduzione è qui: [url=http://forum.zeusnews.com/link/131234]link ... l'autore dice che né gli adulti, né i bambini e giovani sanno utilizzare i computer... Il mio comentario (francese) di ieri 19:15 si puo... Leggi tutto
21-8-2013 19:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3851 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics