Germania e Italia, due culture di fronte al Datagate

Due atteggiamenti molto diversi di fronte allo scandalo delle intercettazioni USA.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2013]

United stasi of america

Ben diverse sono state le reazioni di fronte alla rivelazione che i servizi segreti militari statunitensi monitoravano le conversazioni telefoniche e le email della Merkel e dei politici italiani: molte dure quelle della Merkel e molto soft quelle dei nostri governanti.

Alcuni saranno portati a giustificare questa differenza considerando il diverso peso che hanno le due nazioni.

La Germania, la locomotiva d'Europa, con un premier reduce da elezioni politiche vinte alla grande, è uno dei pochi Paesi occidentali in crescita come Pil ed esportazioni: uno Stato solido e con i conti in ordine.

L'Italia è il fanalino di coda dell'Europa: un Pil in continuo e forte calo, un debito pubblico disastroso, un premier ostaggio di una maggioranza appesa alle vicende giudiziarie di Berlusconi, condannato per frode fiscale e rinviato a giudizio per corruzione di parlamentari. Il senso dell'indipendenza e la dignità nazionale variano molto a seconda che tu sia un Paese fortissimo o un Paese debolissimo.

D'altra parte, perché intercettare sistematicamente Berlusconi, o Monti, o Letta? In fondo l'Italia è impegnata al fianco degli USA in Afghanistan, ma anche in Iraq, dove abbiamo istruttori di polizia. E spendiamo un miliardo di euro all'anno in missioni militari.

Se siamo stati intercettati poco, è perché oltre a essere deboli siamo fedeli: siamo il migliore o quasi alleato degli Usa, pronto a scimmiottarne anche i sistemi politici, dal maggioritario al presidenzialismo.

Le intercettazioni ci sono state, perfino quelle inglesi e certamente quelle cinesi, per copiare i nostri segreti industriai (qualcuno ne abbiamo ancora), ma non ci inquietano più di tanto. E' innanzitutto una questione culturale.

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3094 voti)
Leggi i commenti (15)

In Germania, al contrario, non si può tollerare l'idea di essere intercettati. Se la Gestapo aveva costruito un sistema di controllo della vita comunitaria quasi perfetto, la Germania comunista con la sua Stasi lo ha perfezionato.

E' ancora vivissima la memoria del sistema spionistico della Germania dell'Est, che controllava le comunicazioni di tutti i suoi abitanti, ma riusciva a infiltrarsi molto bene anche nell'amministrazione pubblica della Germania dell'Ovest, fino ad arrivare al Cancelliere: milioni di dossier sugli spiati sono un'eredità difficile da gestire.

Da Barack Obama, presidente della maggiore nazione capitalistica e democratica, i tedeschi non vogliono subire quello che gli hanno fatto passare Honecker e Breznev.

Per gli italiani è diverso: allo spionaggio dell'Ovra, la polizia segreta di Mussolini, si è sostituita la centrale spionistica di Scelba e poi dopo quella del Sismi degli anni '70 e poi ancora fino al caso Tavaroli.

Tutti in Italia accusano i servizi segreti di spiarli: da Almirante ad Andreotti (che è stato accusato a sua volta di averli usati a fini personali) da D'Alema a Berlusconi. Tutti si dichiarano vittime dei servizi segreti italiani e di quelli americani, e nel contempo vengono accusati di usarli spregiudicatamente.

In un Paese pieno di segreti di Pulcinella e di intercettazioni "legali" che finiscono sempre sui giornali, le intercettazioni e le spie non ci fanno né caldo né freddo. Al massimo sono come la pizza: un'icona nazionale, il segreto della nostra identità di popolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


{mario}
Vorrei dire una cosa sul sondaggio relativo alle intercettazioni che accompagna l'articolo. Ho scelto la risposta 3 ("Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo") ma quella non è esattamente e completamente la mia risposta. Più in generale le risposte non si... Leggi tutto
27-10-2013 12:42

Motivo (da sommare ad altri) per non votare i partiti che ora sono al governo. Almeno il voto partitico c'è rimasto. :twisted: Ciao Leggi tutto
27-10-2013 11:22

Concordo, il motivo di base delle diverse reazioni dei governanti italiani sta qui: a loro in sostanza se gli italiani sono indignati o meno - e detto per inciso mi sembra lo siano molto poco - non gliene frega nulla. Inoltre quando mai un governante italiano ha alzato la voce con il governo USA per alcunché, siamo ancora qui a metterci... Leggi tutto
27-10-2013 10:39

Oserei dire che questo articolo è Epico! Leggi tutto
25-10-2013 00:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1429 voti)
Novembre 2022
Da Intel i processori con gli optional a pagamento
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 novembre


web metrics