Innamorarsi on line: il boom del dating

Ci si incontra e magari ci si sposa anche, grazie al Web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2003]

Se scorriamo le pagine di uno dei tanti quotidiani della cosiddetta free press troviamo ogni giorno diverse pagine di annunci di agenzie per cuori solitari.

Uomini e donne di tutte le età, singles da sempre o separati: tutti con la stessa voglia di trovare la persona giusta, tutti carini e carine, simpatici/e, che cercano altrettante anime gemelle... purché colte, laureate, ricche, sincere, pulite, ordinate, amanti del mare, dei monti, degli animali e dei bambini.

Un breve inciso: la free press - insieme dei quotidiani gratuiti distribuiti in milioni di copie nelle stazioni e all'angolo delle strade - sembra aver finalmente trasformato gli italiani in un popolo di lettori.

Non riusciamo a stare da soli? Beh meglio l'amore - anche con la vera al dito - che la guerra: si dividono le spese, c'è qualcuno che si prende cura di te (non solo per lavare e stirare), la vita, forse, è meno dura in 2, etc.

Vittorino Andreoli, psichiatra e psicoterapeuta, sostiene che ci si affida alle agenzie matrimoniali, sia sul Web che fuori, perché non si crede più nella stabilità dei rapporti, quelli che un tempo duravano una vita, e perciò non si vuole perdere troppo nella ricerca e nel corteggiamento.

Può darsi, intanto il fenomeno è esploso anche sul Web. Ne parliamo con Massimo Moruzzi, responsabile della versione italiana di Meetic, uno maggiori siti di dating.

ZN: Dacci una definizione sintetica di dating. Adesso si parla addirittura di speed-dating, ci sono diversi tipi di dating?

Massimo Moruzzi: Il dating è semplicemente l'attività di ricerca di persone con cui uscire. Oggi lo si fa anche online, quindi online dating, come ad esempio su Meetic o su Match.

Lo speed dating è invece una cosa diversa. Si tratta di incontri vis-à-vis fra perfetti sconosciuti che partecipano a serate per singles dove lo scopo è fare dei brevissimi incontri che durano generalmente dai 3 ai 6 minuti con molte nuove persone, e poi proseguire eventualmente con le persone che interessano.

ZN: In fondo le communities, le chat dei tanti portali hanno sempre avuto una funzione di questo tipo: si parla di amicizia ...ma poi ...perché allora si costruiscono dei siti ad hoc?

Massimo Moruzzi: La mia risposta, e la risposta di chi ha lanciato questi siti è; ...perché no? L'idea è semplice: offro servizi aggiuntivi, e faccio diventare il servizio a pagamento. Tutto sommato, direi che funziona. Penso che uno dei servizi più apprezzati sia la "moderazione" di questi "ambienti" dove avvengono gli incontri virtuali, moderazione che serve a diminuire o meglio ancora a eliminare gli annunci falsi o volgari di "professionisti" o "professioniste".

ZN: Può essere un buon business? Ma, soprattutto, le relazioni nate così funzionano?

Massimo Moruzzi: Sembra di sì. Negli Stati Uniti è un vero e proprio fenomeno sociale e un grande business, basti pensare che negli USA Internet ha superato il luogo di lavoro come posto numero 1 nel quale si trova marito o moglie. Per quanto riguarda invece i risultati delle relazioni non ho dati sull'Italia, ma posso dirti che mentre ero in Francia arrivavano 2 inviti a settimana a matrimoni di persone che si erano conosciute grazie al sito.

ZN: Tu lo sperimenteresti?

Massimo Moruzzi: No, non fa per me. Troppo facile fare il galletto o il mega romanticone, e se è troppo facile, non ne vale la pena.

ZN: Avresti una bella storia, nata così, da raccontarci?

Massimo Moruzzi: Si dice che in Francia una coppia di neo-separati abbia finito per rincontrarsi grazie ad un appuntamento al buio (nessuno dei due aveva messo la foto). A Hollywood idealmente si sarebbero rimessi insieme, in Francia non so.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)


akiro
altro che sti siti a pagamento! Leggi tutto
9-4-2003 13:42

Nicoletta
"Auto-screditamento" Leggi tutto
9-4-2003 09:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertÓ d'opinione ma c'Ŕ un limite a tutto.

Mostra i risultati (1376 voti)
Aprile 2020
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Tutti gli Arretrati


web metrics