Amazon: mantenete Internet libera

Le major vogliono una legge sul copyright più severa, ma il colosso del commercio online difende l'importanza di una Rete aperta e senza limiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-12-2013]

Amazon internet libera

È un interessante terzetto quello che di recente si è trovato a esprimere il proprio parere davanti alla sotto- commissione della Camera dei Rappresentanti USA che si occupa di Internet e proprietà intellettuale.

Un portavoce della MPAA, l'associazione delle case cinematografiche americane, uno del gigante del commercio online Amazon e uno del Center for Democracy & Technology hanno espresso ognuno la propria visione sul futuro della Rete, che non può prescindere dalla questione del copyright.

Il primo a prendere la parola è stato John McCoskey, vicepresidente della MPAA, il quale ha iniziato spiegando come ormai la fruizione dei contenuti non sia più limitata ai cinema e alle TV, ma sia ampiamente passata ad altri mezzi.

La gente scarica contenuti da Internet per vederli tramite le console, le Smart TV, i set-top box, grazie agli oltre 90 servizi che offrono legalmente negli USA film e show televisivi, raggiungendo quasi 42 milioni di case.

Lo sviluppo di questo mercato - ha spiegato McCoskey - è stato possibile grazie a una legislazione sul copyright robusta e in grado di garantire lo sviluppo e la distribuzione di contenuti: per far sì che continui a prosperare è necessario eliminare coloro che violano il diritto d'autore.

«Condividiamo tutti la responsabilità di eliminare le pratiche abusive che rovinano gli investimenti nei contenuti, feriscono il rapido evolversi dei negozi digitali e danneggiano gli interessi dei consumatori che traggono beneficio da queste innovazioni» ha concluso il vicepresidente della MPAA.

Quasi a fare da contraltare a quanto appena detto, il vicepresidente di Amazon Paul Misener ha puntato in tutt'altra direzione.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1477 voti)
Leggi i commenti (5)

Dopo aver mostrato come l'azienda per cui lavora stia evolvendosi rapidamente dalla vendita di oggetti concreti tramite canali online alla distribuzione di contenuti digitali, Misener ha puntato il dito contro i rischio di una legislazione sul diritto d'autore troppo restrittiva.

«Il rischio di dover corrispondere enormi risarcimenti per i danni che l'attuale sistema permette potrebbe rallentare lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi progettati per aiutare i consumatori a sfruttare le opere coperte dal diritto d'autore» ha spiegato.

Misener ritiene che sia necessario limitare queste pratiche specialmente in quei casi in cui l'utilizzo di opere protette sia dettato dalla buona fede, per esempio quando chi viene accusato sia convinto di aver agito senza infrangere la legge.

Inoltre andrebbe rivisto il sistema delle licenze, troppo macchinoso e frammentario per poter soddisfare le esigenze di un mercato globale.

Il punto più importante affrontato da Misener è però quello riguardante la libertà di Internet.

«La continua crescita e l'innovazione nella distribuzione di contenuti digitali presuppone che Internet resti una piattaforma aperta e non discriminatoria, in cui i bit sono bit e limiti arbitrari non limitano l'accesso ai contenuti da parte dei consumatori. La scelta dei consumatori, senza vincoli, dev'essere garantita» ha dichiarato.

In caso contrario chi desidera usufruire di contenuti digitali si rivolgerà alle piattaforme illegali, dove non vi sono limiti artificiali.

Di avviso analogo David Sohn, del Center for Democracy & Technology: «Se i servizi legali non riescono a dare ai consumatori ciò che essi vogliono, dove lo vogliono, ci saranno delle fonti illegali che riempiranno i vuoti e soddisferanno la domanda».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Amazon consegnerà con i droni
IsoHunt patteggia, pagherà 110 milioni di dollari
Arrestati al cinema, piratavano Gravity
EzTv nella bufera
Crisi, licenzia anche la RIAA
MPAA: La pirateria NON è un furto
MPAA E RIAA partoriscono il Center for Copyright Information

Commenti all'articolo (1)

2 a 1. E' un buon inizio. Speriamo diventino presto 20 a 1. :wink:
2-12-2013 23:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2425 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics