Vulnerabilità in Office 365

Poche righe di codice consentono a qualunque utente di ottenere i diritti di amministratore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-01-2014]

falla Office 365

Una falla che permette a qualunque utente di Office 365 di ottenere i privilegi di Amministratore e controllare l'intero ambiente aziendale non è certo un problema da prendere sottogamba.

La scoperta di tale bug è avvenuta lo scorso 16 ottobre a opera di Alan Byrne, dipendente di Cogmotive, il quale ha immediatamente provveduto ad avvisare Microsoft. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (5435 voti)
Leggi i commenti (25)
Byrne si è accorto della falla durante il proprio lavoro di sviluppo, scoprendo che con l'introduzione della Wave 15 di Office 365 Microsoft aveva introdotto anche una vulnerabilità che, se sfruttata, permetteva di portare un attacco tramite le tecniche del Cross Site Scripting (XSS).

In pratica il bug consisteva nella mancata validazione, da parte del Portale di amministrazione di Office 365 dei nomi utente e delle informazioni sulla posta elettronica attinti da Windows Azure Active Directory.

Byrne ha scoperto che era possibile modificare le informazioni mostrate nel campo Display Name in maniera tale da includere alcune istruzioni attendendo che un amministratore (senza nemmeno dover cliccare su qualcosa, ma semplicemente aprendo la pagina) le eseguisse: così è riuscito a creare un nuovo account con i permessi di amministrazione. L'articolo continua dopo il video.

Il lato positivo di tutta questa storia è che, almeno per quanto riguarda questo bug, ci si può rilassare: lo scorso 19 dicembre Microsoft lo ha corretto.

La notizia s'è diffusa soltanto adesso perché solo a metà gennaio Alan Byrne ha ricevuto da Microsoft l'autorizzazione a rivelare l'esistenza della falla e i dettagli dell'exploit.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1248 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics