Il drone medusa che si muove sbattendo le ali

Rappresenta una rivoluzione nel modo in cui si realizzano i droni e ha vaste possibilità di impiego.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2014]

drone medusa

A prima vista sembra una specie di insetto, ma il drone realizzato da alcuni ricercatori del Laboratorio di Matematica Applicata dell'Università di New York è nato prendendo come ispirazione le meduse.

Pesante appena 2,1 grammi, non si muove nell'acqua ma è in grado di volare grazie a quattro ali formata da membrane artificiali. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verr individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago n l'assicurazione auto, n il canone Rai, n niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2391 voti)
Leggi i commenti (18)
È il movimento complessivo utilizzando per restare in aria e per spostarsi che richiama quello adoperato dalle meduse per muoversi in acqua e che, quindi, mantiene la somiglianza.

Si tratta di una soluzione alternativa a quelle solitamente adoperate per permettere ai droni di volare (generalmente vengono equipaggiati con pale simili a quelle degli elicotteri) e che ha un grande vantaggio: fornisce una buona spinta senza la necessità di uno stabilizzatore che appesantirebbe il drone stesso.

Secondo i ricercatori questo sistema permetterà la creazione di un nuovo tipo di droni volanti adatti a svariate applicazioni, dalla sorveglianza alle missioni di ricognizione fino al rilevamento del traffico e della qualità dell'aria. L'articolo continua dopo il video.

«A seconda dell'applicazione» - spiegano gli scienziati Leif Ristroph e Stephen Childress - «un controllo attivo su un progetto intrinsecamente instabile può essere preferibile a una stabilità passiva».

Al momento il piccolo drone ha bisogno di trarre l'energia necessaria da una fonte esterna, cui è collegato da minuscoli fili; la sua prossima evoluzione dovrà essere in grado di librarsi in autonomia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Anche Google pensa ai droni per consegne veloci
Amazon consegnerà con i droni
Il drone che ti consegna la pizza
Bastano 600 dollari per acquistare un drone
Arriva il drone per sorvegliare casa

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (975 voti)
Settembre 2020
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Tutti gli Arretrati


web metrics