L'Unione Europea riconosce il diritto di link

Chiunque può linkare opere protette dal diritto d'autore, a patto che siano liberamente accessibili sin dall'origine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2014]

ue diritto link

I giudici della Corte di Giustizia dell'Unione Europea hanno stabilito che pubblicare nel web link a contenuti protetti dal diritto d'autore - che siano egualmente già pubblicati nel web - non è contrario alla legge.

Detta così, la vicenda pare un'ovvietà inutilmente complicata, ma se si considera l'origine della questione il tutto si fa un po' più chiaro.

Il caso che ha portato al pronunciamento è stato creato da alcuni giornalisti del giornale svedese Göteborgs-Posten, i quali avevano citato in giudizio la società connazionale Retriever Sverige.

Motivo del contendere erano i link che la Retriever Sverige pubblicava sul proprio sito e che puntavano ad articoli del Göteborgs-Posten.

Su quegli articoli - ragionavano i giornalisti - noi deteniamo il copyright: pertanto se qualcuno pubblica dei link che vi rimandano viola il nostro diritto d'autore, a meno che non ci chieda l'autorizzazione.

Per la Corte Europea le cose non stanno così. O, meglio, starebbero così se i link - che costituiscono un «atto di comunicazione», ossia una «messa a disposizione di un'opera al pubblico in maniera tale che quest'ultimo possa avervi accesso (ancorché in concreto non si avvalga di tale possibilità)» - rendessero l'opera cui fanno riferimento (gli articoli) disponibile a un pubblico nuovo, diverso da quello che potrebbe accedervi tramite il sito del Göteborgs-Posten.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3802 voti)
Leggi i commenti (20)

Dato che però il pubblico è lo stesso - sia il sito del Göteborgs-Posten che quello della Retriever Sverige sono accessibili a tutti gli internauti, senza distinzione alcuna - ecco che la violazione non si configura.

«Il proprietario di un sito web può, senza l'autorizzazione del titolare del contenuto, reindirizzare utenti Internet attraverso collegamenti ipertestuali a opere protette da copyright accessibili gratuitamente su un altro sito» - ha affermato la Corte - anche nel caso in cui «gli utenti che clicchino sul link abbiano l'impressione che l'opera venga loro mostrata dal sito contenente il link stesso».

Dunque chiunque possieda un sito può pubblicarvi link che rimandino a contenuti protetti dal diritto d'autore (e addirittura includerli in un iframe o usando tecniche che diano lo stesso risultato, par di capire), a patto che anche questi ultimi siano di libero accesso.

Qualora invece il sito rendesse disponibili contenuti che normalmente non lo sarebbero (si pensi per esempio agli articoli di un quotidiano online racchiusi dietro un paywall, o a quelli "piratati", condivisi aggirando le protezioni apposte dai suoi creatori) allora in quel caso la legge sarebbe violata.

Inoltre, per evitare che i singoli Stati possano aggirare questa sentenza ampliando la definizione di «comunicazione al pubblico», la Corte s'è anche premurata di specificare che «gli Stati membri non hanno il diritto di disporre una protezione più estesa dei titolari dei diritti d'autore ampliando la nozione di comunicazione al pubblico».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

link[/url] Però... "L’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2001/29 deve essere inoltre interpretato nel senso che osta a che uno Stato membro possa stabilire una maggiore tutela dei titolari del diritto d’autore, includendo nella nozione di comunicazione al pubblico più forme di messa a disposizione di quelle disposte da tale... Leggi tutto
17-2-2014 19:56

{Marco}
Secondo me quando hanno scritto: "gli Stati membri non hanno il diritto di disporre una protezione più estesa dei titolari dei diritti d'autore ampliando la nozione di comunicazione al pubblico" stavano pensando all'Italia, non hanno più voglia nemmeno loro di sanzionarci :P
14-2-2014 20:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, quale oggetto è peggio smarrire?
Il portafoglio
Lo smartphone

Mostra i risultati (2442 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics