Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS

I commenti lasciati nelle vecchie versioni spaziano dall'umorismo allo scherzo, sino alle parolacce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2014]

ms dos word parolacce

C'è un motivo se Microsoft ha sempre avversato l'open source e preferisce che il codice dei propri prodotti non divenga pubblico: tenere segreto il codice permette ai programmatori di scrive parolacce.

La prova è nel codice di alcune antiche versioni di Word e MS-DOS che è stato reso disponibile tramite il Computer History Museum, ed è pertanto liberamente scaricabile e analizzabile.

Qua e là, tra i commenti lasciati dai programmatori, si notano piccoli scherzi, frasi umoristiche e anche parolacce, scritte forse nella convinzione che nessuno al di fuori di Microsoft avrebbe mai letto quelle righe. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3711 voti)
Leggi i commenti (10)
Si va dalle frecciatine alla concorrenza, con un commento che dice «L'utente tonto sta usando una rete Novell!» a commenti che invitano a fare «quel c**** che si vuole» «con gli altri registri».

Sia il codice del sistema che quello dell'elaboratore di testi pullulano poi di hack, parti di codice che servono ad aggirare un problema senza risolverlo veramente e di volta in volta definiti «vergognoso», «raccapricciante», «da quatto soldi» e via di seguito.

Qui sotto, alcuni screenshot, catturati dallo sviluppatore Leon Zandman.

microsoft commenti 01
microsoft commenti 02
microsoft commenti 03
microsoft commenti 04
microsoft commenti 05
microsoft commenti 06
microsoft commenti 07

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Windows 1.0 a Windows 8, la storia in un filmato
FreeDOS, vent'anni e non sentirli
Trent'anni fa il primo virus per computer
Trent'anni di Microsoft in due fotografie

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

:lol: Leggi tutto
6-4-2014 13:52

{albertocap}
qualcuno rischio' il licenziamento per commenti inopportuni
31-3-2014 17:09

Questo forse è l'antesignano del BSOD! :lol: [code:1:d370c8e0b1]STALL: JMP STALL ; Crash the system nicely[/code:1:d370c8e0b1] in COMMAND.ASM
31-3-2014 15:18

Provate a cercare "!" nei sorgenti! :D Sembra di...leggere un telefilm di batman!!! :lol: :lol: Yay zibo! WOMP! ick! No starto, chumo! Wham! hurrah! bye! no, oops! Damn! go for it! Naturalmente non poteva mancare una firmetta :-) egomes: db "Chris Peters helped with the new dos!",cr,lf db ... Leggi tutto
31-3-2014 11:52

Sempre meglio che privo di commenti. :twisted: Mauro Leggi tutto
31-3-2014 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1755 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics