Un successo la vendita di azioni Telecom ai dipendenti

In poche ore 5.500 dipendenti sono diventati azionisti Telecom Italia, nel primo giorno della vendita a loro riservata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2014]

telecom italia

L'Asati, l'associazione dei piccoli azionisti Telecom Italia, annuncia con soddisfazione che l'operazione di vendita delle azioni riservata ai dipendenti del Gruppo Telecom Italia si presenta come un grande successo già dalle prime ore.

Infatti oltre 5.500 dipendenti hanno già sottoscritto oltre 30 milioni di azioni, nelle prime ore del primo giorno della vendita riservata, che si è aperta il 26 giugno e si chiuderà il 10 luglio. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1453 voti)
Leggi i commenti (9)
I dipendenti possono sottoscrivere fino a 5.000 euro in azioni, al prezzo di 0,84 euro, pagandole in contanti oppure a rate sulle competenze mensili, o ancora attingendo al trattamento di fine rapporto: una possibilità prevista dalle legge ma non più attuata dal 1998, che dovrebbe essere l'opzione prevalente fra i dipendenti Telecom Italia.

I dipendenti azionisti in servizio e in pensione, al termine del piano attuale completamente sottoscritto avranno circa lo 0,8% del capitale. Tenendo conto solo numericamente degli azionisti esterni alla società iscritti ad Asati, la percentuale complessiva diventerebbe dell'1,6%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Telecom, l'azionariato diffuso piace ai dipendenti

Commenti all'articolo (4)

@colemar In questo modo mi sembra più equo...
2-7-2014 13:54

@Gladiator È la stessa cosa che ho pensato anch'io, ma in realtà mi sembra che le azioni vengano ripartite tra tutti quelli che le hanno prenotate in misura proporzionale a quanto richiesto. In altre parole sembra che non vengano assegnate solo ai primi arrivati. Intanto ne ho prenotate per 5000 euro (il massimo ammesso), poi vedrò che... Leggi tutto
1-7-2014 23:45

@colemar Mi sembra un pochino discriminante nei confronti dei dipendenti con sede a Trento... :roll:
1-7-2014 18:56

Le avrei comprate fin dalla mattina del 26 giugno (primo giorno), se non fosse che si possono acquistare solo usando la intranet aziendale e il 26 a Trento le sedi Telecom erano chiuse per la festa del santo patrono!
28-6-2014 22:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3111 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics