Il servizio che rivela cosa è stato rimosso da Google

La farsa del diritto all'oblio online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-07-2014]

hidden

Di recente l'Unione Europea ha imposto a Google di rimuovere certi link dai propri risultati, in nome del "diritto all'oblio".

Ma la norma vale soltanto per le ricerche effettuati da utenti i cui computer risultano essere nell'Unione Europea.

Per cui basta usare Google.com da un indirizzo IP non-UE (o simulare questo effetto con un tunnel/proxy) per vedere anche i risultati rimossi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2096 voti)
Leggi i commenti (20)
Ovviamente è nato Hidden from Google, un servizio che cataloga i risultati censurati e permette di sapere che cosa non si vuole che gli utenti UE possano leggere, attirando quindi maggiore attenzione proprio su quello che si voleva nascondere.

Certo, la norma UE serve per proteggere gli innocenti. Ma guardate un po' chi sta usando la norma per nascondersi a Google e al mondo. Scientology su Der Spiegel, banche sulla BBC, e molto altro.

Se vi sembra molto simile a una censura, non siete i soli. Di certo è un Effetto Streisand perfetto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (5)

No, questo non è vero, è da dementi in qualunque parte della rete mettere DATI SENSIBILI. :roll: Ad esempio se usi un alias e poi metti le foto geolocalizzate dei quadri del salotto e fai la cronaca in diretta delle tue vacanze a Cesenatico, al ritorno probabilmente quei quadri non li troverai più. :twisted: Mauro Leggi tutto
29-7-2014 03:01

Effetto Streisand Il diritto all'oblio non esiste sulla rete internet, per cause strettamente legate alla sua architettura. Proprio per questo usare nome e cognome, su facebook ad esempio, e' da dementi.
29-7-2014 01:47

L'unico risultato che ottengono è di attirare l'attenzione su ciò che vorrebbero nascondere. :twisted: Mauro Leggi tutto
17-7-2014 15:28

Domanda: link, che si appoggia su Google, mostra i link incriminati?
17-7-2014 11:54

A parte il fatto che sia pensabile una possibilità di risalire ad un elenco dei link bloccati, con le conseguenze descritte nell'articolo, mi sembra una scemenza l'impedire a google (o altri motori di ricerca) l'indicizzazione. Se una pagina ha contenuti lesivi (e per lesivi dovrebbe significare falsi o ingiustamente diffamatori),... Leggi tutto
16-7-2014 19:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2469 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 giugno


web metrics