Stallman: sì a Twitter, no a Facebook

Il padre spirituale del software libero apre ai social network, ma stronca Facebook.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2014]

Richard Stallman

Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation, in un'intervista al sito Agoravox distingue nei social network fra Twitter e Facebook.

Stallman: «Ci sono grandi differenze fra le reti sociali ed è importante non generalizzare. Twitter proprio per i tweet non è "cattivo", al contrario di Facebook che spia tutti quanti. Il tweet é pubblico quindi non si perde niente della propria vita privata nel fatto che la gente possa vedere quello che hai pubblicato. Invece Facebook che contiene delle informazione private, spia le persone». L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2760 voti)
Leggi i commenti (2)
«Su Twitter, una persona può avere più di un account, con il suo nome proprio oppure aprire un account anonimo. Si può decidere di avere vari account: personale, professionale... Se ti connetti con Twitter via Tor, riesci a nascondere a Twitter che sei la stessa persona con vari account. Non è una bugia ma una scelta personale, una libertà che va conservata».

«Facebook invece é ingiusto, sopratutto con la politica restrittiva di avere soltanto un account col vero nome della persona. Bisognerebbe non utilizzare mai Facebook. Pensate che ci sono scuole che impongono agli studenti di creare account su Facebook. E poi succede che gli stessi studenti mi scrivono per chiedermi aiuto e su come fare per rifiutare questa politica. La scuola non deve mai rivelare i dati personali suoi studenti a delle aziende private».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Twitter spia tutte le app sullo smartphone

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E' sufficiente non iscriversi mai a fessbuk e spiegare ad amici e conoscenti che lo sono il perché, nella mia cerchia di conoscenze nessuna mi ha ancora cancellato dalla sua rubrica telefonica o dalla sua agenda perché non sono iscritto a fessbuk. Inoltre, da quando WhatsApp è stata acquisita da fessbuk, l'ho disinstallata e mi sono... Leggi tutto
2-11-2014 14:09

{ntypngo}
E' facile dare ragione a Stallman, con simili affermazioni. Ma è anche ovvio che finché le affermazioni rimangono confinate fra gli addetti ai lavori, ci continueremo a dare ragione a vicenda mentre la gente, là fuori, continuerà a fornire a Facebook (e a tutti i suoi "power user" tipo NSA)... Leggi tutto
30-10-2014 21:59

Stai violando le regole di Facebook, punto 4.2 Leggi tutto
30-10-2014 10:09

{Antonio}
E falso che non si poosono avere più account di facebook con lo stesso nome. Io ne ho due col mio vero nome. L'unica accortezza è che devono essere associati a account email diversi
30-10-2014 09:59

{W3C_Freedom}
anche quelli di agoràvox, mi sembrano caduti da un pero. se gli faceva piacere intervistare Richard Matthew Stallman è un conto, se invece volevano sapere il perché sarebbe bastato andare su link[/url] e mettere nel search la parola Facebook, e si sarebbe appreso quanto sto argomentando. Io uso IRC Internet Relay Chat, l'unico SOCIAL,... Leggi tutto
30-10-2014 04:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1251 voti)
Gennaio 2019
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Un intero computer (completo di schermo e tastiera) all'interno di un mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Dicembre 2018
Microsoft cambia Pulizia Disco per salvare gli utenti sbadati da sé stessi
Il bug di Chrome che manda in freeze Windows 10
Arrestati i cinque pirati più incapaci del web
Tutti gli Arretrati


web metrics