Attacco hacker contro i media, colpito anche Repubblica.it

Il Syrian Electronic Army compromette la piattaforma dei commenti di decine di siti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-11-2014]

Syrian Electronic Army hacker repubblica

L'Esercito Elettronico Siriano (Syrian Electronic Army, o SEA) è tornato a colpire, scegliendo per farlo quella che negli USA è una data particolare, ossia il Giorno del Ringraziamento.

Nonostante il nome, l'"Esercito" è un gruppo di hacker che ufficialmente non è legato direttamente al governo siriano.

Gli obiettivi di questo ultimo attacco sono stati diversi siti di informazione, tra cui anche i siti italiani di La Repubblica e de Il Secolo XIX.

Come il sito stesso di La Repubblica riporta, l'attacco - che ha coinvolto decine di siti in tutto il mondo - dal Chicago Tribune a PC World, da Forbes a The Telegraph, e molti altri - è stato indiretto: è stato infatti portato tramite Gigya, azienda americana con sedi anche in Israele che fornisce le funzionalità per commentare adoperate da diversi siti.

I vari siti non sono stati quindi direttamente compromessi, ma una vulnerabilità nelle impostazioni DNS di Gigya ha permesso agli hacker di spostare le richieste dirette ai server di Gigya verso un server controllato da loro.

Sondaggio
Il governo vorrebbe eliminare la tassa di proprietà travestita da canone, trasferendola sulla bolletta della luce. Sei d'accordo?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2730 voti)
Leggi i commenti (95)

«Un'indagine iniziale ha rivelato che c'è stata una violazione presso il nostro registrar che ha prodotto come risultato una modifica nel record Whois di Gigya, facendolo puntare a un diverso server DNS» ha scritto l'azienda sul proprio blog ufficiale.

I visitatori dei siti che adoperano Gigya si sono visti quindi servire un popup con il logo del SEA e il messaggio «You have been hacked by the Syrian Electronic Army» (Siete stati hackerati dall'Esercito Elettronico Siriano), ma i dati personali eventualmente presenti su quei siti (o su quello di Gigya) non sono stati mai realmente in pericolo.

Attualmente il problema nella configurazione DNS è stato risolto e, a mano a mano che la propagazione prosegue, i disagi per gli utenti dovrebbero scomparire.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
''Hackerati'' numerosi giornali? Non proprio

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Skype, hacker violano il blog e l'account Twitter

Commenti all'articolo (3)

Concordo. :( Leggi tutto
1-12-2014 22:35

{teresa}
Chissà perché c'è spesso un'aquila in questi stemmi. Per una questione di coerenza dovrebbe invece campeggiare una pecora, visto che l'aquila è potente e non si trova mai nelle condizioni di belare sconclusionatamente per chiedere attenzione da parte degli altri.
28-11-2014 11:04

{Minerva}
Ormai con l'informatica diffusa si è data la possibilità agli scontenti di tutto il pianeta di influenzare la vita di persone che niente hanno a che fare (direttamente) con loro. Un mondo globalizzato dove, a parte qualche eccezione, le proteste sono integrate nel sistema, si disperdono e non portano a niente, se non a... Leggi tutto
28-11-2014 10:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1336 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics