La verità su pale eoliche e uccelli morti

Uno studio fa finalmente chiarezza sulle accuse.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-12-2014]

passeri pale eoliche

Tra le accuse più spesso rivolte alle pale eoliche c'è l'essere causa della morte di molti uccelli, che si scontrerebbero con esse.

Nel tempo sono state sviluppate alcune soluzioni, ma forse gli impianti eolici non sono quei killer che molti descrivono.

Lo studio finanziato dall'American Wind Wildlife Institute sostiene che le pale eoliche sono responsabili, negli USA, di un numero di morti compreso tra 214.000 e 368.000 ogni anno.

Sebbene tale cifra possa sembrare alta, si tratta certamente di una quantità molto inferiore alle morti causate, per esempio, dalle collisioni con i ripetitori di radio e telefonia cellulare, che ammontano a 6,8 milioni di uccelli ogni anno.

Insomma stando allo studio - che si è concentrato sui passeriformi, di cui appena lo 0,01% finisce contro le pale - le turbine non sono così pericolose; danni decisamente peggiori fanno i gatti domestici, responsabili annualmente della morte di un numero di uccelli compreso tra 1,4 e 3,7 miliardi.

Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2639 voti)
Leggi i commenti (9)

Più o meno contempora-
neamente, la National Audubon Society ha lanciato l'allarme che oltre la metà delle specie di uccelli presenti in America sono minacciate dai cambiamenti climatici.

Ora l'AWWI sta finanziando un altro studio che valuti il pericolo posto dagli impianti eolici verso gli uccelli più grandi, come le aquile e i falchi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

A distanza di 8 anni il problema si ripresenta intatto.. E adesso, con l'aggravarsi della crisi climatica e la guerra del gas con la Russia, si propone ancora più urgentemente! Che vogliamo fare? :roll:
13-4-2022 22:22

Mi pare che dei due articoli linkati il secondo sia anche piuttosto equilibrato e, in generale, direi quasi condivisibile soprattutto nelle conclusioni. In ogni caso ritengo sicuramente molto più deleterie per la biodiversità e per l'ambiente in generale le centrali a olio pesante e a carbone piuttosot che le pale eoliche. Perfino le... Leggi tutto
13-12-2014 14:58

Magari fammi sapere che browser utilizzi e quale sistema operativo, provo a indagare. C'era effettivamente una campagna pubblicitaria Brother ai margini dello schermo che all'inizio, in determinati casi, si apriva anche cliccando nel posto sbagliato, ma credevo di aver fixato tutto settimane fa.
12-12-2014 19:18

Come da sacri canoni del giornalismo... :wink: Ma io speravo fosse chiaro che il mio dissentire fosse rispetto agli articoli da te riportati, e mi sembrava chiaro che non fosse una posizione di ZN. In quanto al link "corretto", adesso funziona normalmente (ho appena verificato) mentre due giorni fa al clic si apriva una... Leggi tutto
12-12-2014 18:49

Non vorrei che fosse passata l'idea che ZN sia d'accordo con le tesi degli animalisti, come sembra suggerire questo tuo commento ;) Come in altri casi, ci limitiamo a riportare notizie. p.s. Il link è ed è sempre stato corretto ;) Leggi tutto
12-12-2014 11:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2734 voti)
Giugno 2022
Campana a morto per Windows 8.1
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics