Da Alfano una stretta alla libertà del Web

Dopo i fatti di Parigi, il ministro dell'Interno vorrebbe introdurre la possibilità di bloccare i siti ritenuti pericolosi, senza passare dall'autorità giudiziaria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2015]

alfano

La tragedia di Charlie Hebdo paradossalmente rischia di introdurre nuove limitazioni alla libertà dei cittadini, come è nella volontà di chi con il terrorismo attenta alla libertà di tutti.

A livello europeo infatti si vorrebbe introdurre un archivio generale dei passeggeri dei voli aerei, come negli Usa: una misura comprensibile anche se si tratta di stabilire garanzie e controlli per evitare abusi.

Un'altra misura che il ministro Alfano vuole introdurre è una pena detentiva per chi si arruola in milizie straniere per andare a fare la guerra per conto di organizzazioni terroristiche.

Attualmente infatti sono previste punizioni solo per gli arruolatori che reclutano in Italia o in altri Paesi europei.

La misura verrebbe introdotta a livello nazionale attraverso un decreto d'urgenza, che poi andrebbe approvato dal Parlamento, anche se sarebbe operativo da subito.

Il problema è che chi va a combattere poi torna in Italia addestrato e abituato a uccidere e potrebbe commettere reati gravissimi, come nel caso francese.

Quello che invece non comprendiamo e non accettiamo è l'altra misura che il ministro degli Interni vuole introdurre, ovvero che le forze di polizia possano bloccare siti web italiani e stranieri, senza richiedere autorizzazioni alla magistratura.

Questo avverrebbe qualora i siti pubblichino contenuti che lo stesso Ministero riterrà pericolosi per la sicurezza nazionale: una definizione troppo generica.

E' vero che l'arruolamento dei guerriglieri islamisti avviene spesso sul Web, ma si vorrebbe estendere la possibilità di blocco non solo ai "siti di arruolamento" ma a tutti i siti considerati collegati ai terroristi o inneggianti al terrorismo.

Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2567 voti)
Leggi i commenti (11)

Già oggi molti siti web di questo tipo sono stati oscurati non su richiesta della Polizia ma su ordine della Magistratura; non si capisce perché si vorrebbe allargare la possibilità in base a semplici ordinanze amministrative di polizia.

Già oggi è previsto il blocco dei siti pedopornografici sulla base di semplici ordinanze amministrative, come pure la possibilità per l'Agcom, senza passare dal giudice ordinario, di bloccare siti web ritenuti colpevoli di violare il copyright pubblicando testi, musica e video (una norma contestatissima, tra l'altro).

Adesso si vorrebbe aggiungere questa nuova fattispecie mentre in Parlamento giace un disegno di legge sul cyberbullismo che vorrebbe dare alle forze dell'ordine, senza intervento della magistratura, la possibilità di rimuovere contenuti ritenuti colpevoli di incitare o di produrre bullismo nei confronti dei minori.

In pratica si opera progressivamente una sottrazione di tanta parte della Rete dalla sovranità della legge e della Magistratura, per sottoporla a controlli di polizia; con tutti i rischi - e gli abusi - che ne possono conseguire.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Bandire WhatsApp

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Cyberbullismo, tentano di nuovo di imbavagliare il Web

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 48)

"Pensiero", in che senso? :twisted: Mauro Leggi tutto
29-1-2015 02:04

Ma che coincidenza! Immancabilmente dopo ogni "attentato terroristico" o pseudo tale arriva l'ulteriore limitazione alla liberta' dei cittadini. Dall'incendio del Reichstag al world trade center lo schema e' sempre il solito. Evidentemente al gregge si puo' propinare di tutto.
26-1-2015 10:05

{Paolo}
"I politici non capiscono niente di Internet..." Togli pure "di Internet"
23-1-2015 11:00

Difatti nessuno vuole togliergliela....! :shock: E ora direi che il fake/deficiente di turno ha già ricevuto abbastanza attenzione...
20-1-2015 06:05

Non avete capito! La redazione di Zeus News è per la libertà di pensiero e di critica :lol: :lol: Leggi tutto
19-1-2015 22:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1513 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics