Il clone cinese dell'iPhone 5c

Costa una frazione dell'originale ma ha caratteristiche simili se non superiori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2015]

meizu m1 note

Negli ultimi tempi diversi produttori cinesi di smartphone si sono dati da fare per creare una linea di prodotti che permettesse loro di evitare l'etichetta di semplici "cloni".

Nel caso di Meizu, invece, il percorso scelto sembra essere proprio l'opposto: con il recente M1 Note, l'azienda sembra decisa nel proporre uno smartphone che, almeno all'apparenza, è il gemello perduto dell'iPhone 5c presentato a settembre 2013.

Proprio come lo smartphone di Apple, M1 Note si presenta con uno chassis di plastica in vari colori: verde, rosa, bianco, giallo e blu.

L'interno però ospita un hardware degno di nota: il cuore è il chipset MediaTek MT6752, basato su un chip octa-core Cortex A53 a 1,7 GHz (che supporta i 64 bit), accompagnato da 2 Gbyte di RAM e una GPU Mali T760 MP2.

Lo schermo, da 5,5 pollici, offre una risoluzione di 1080p ed è protetto da un vetro Gorilla Glass 3; non mancano poi una fotocamera posteriore da 13 megapixel, una anteriore da 5 megapixel, supporto dual SIM e 16 o 32 Gbyte di memoria interna.

Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2370 voti)
Leggi i commenti (15)

Non c'è il lettore di impronte digitali (presente invece sul modello Meizu MX4 Pro) e non è previsto lo slot per schede microSD, ma è presente il supporto alla connettività LTE. Il sistema operativo è Flyme 4.1, una versione personalizzata di Android 4.4.4 KitKat.

Il lancio in Cina è avvenuto alla fine di dicembre; la versione da 16 Gbyte costa 999 yuan (circa 140 euro) mentre quella da 32 Gbyte costa 1.199 yuan (circa 170 euro). La versione internazionale dovrebbe debuttare a breve.

meizu m1 note sim tray

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
iPhone 6, Apple accusata di aver copiato dai cinesi
Samsung, meno smartphone e prezzi più bassi
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
G7, il phablet top di gamma di Huawei
Lo smartphone con il malware incorporato
Ascend P7, smartphone supersottile
iPhone 5s e iPhone 5c, potenti e colorati ma non low cost

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

A parte la, sempre possibile, backdoor cinese quoto le considerazioni di TeoMan.
27-1-2015 19:05

Vero che non si può definire clone di iPhone, e per fortuna!!!!!! Con un iPhone puoi fare tutto quello che Apple a deciso che puoi fare, non tutto quello che VUOI fare... è questo il grande limite degli iPhone. Fanno successo perché sono stati i prime ed ora sono oggetti di design, uno status simbol, un "sono figo perche' ce... Leggi tutto
26-1-2015 15:46

difatti xiaomi e il miglior produttore cinese di smartphone, che purtroppo sta abbandonando i processori snapdragon a favore dei piu' economici mediatek,il problema risiede sopratutto nei costi a fronte di 400 euro circa per acquistare un mi 4 (processore snapdragon),che in caso di assistenza non so come andrebbe a finire,acquisterei... Leggi tutto
26-1-2015 10:13

{W3C_Freedom}
finalmente si inizia a parlare di caratteristiche tecniche. ma è possibile che ci debba sgolare per anni per pretendere solo di avere poche caratteristiche ? comunque vi voglio raccontare questa che mi è venuta alla mente solo ora: parlavo con un commerciale di un centro TIM e mi ha detto che NON sarei un BRAVO commerciale, perché il... Leggi tutto
25-1-2015 12:10

{shmetar}
Mi tenta, visto il prezzo e le caratteristiche. L'unica cosa che temo è una backdoor cinese, oltre a quella americana "di serie".
24-1-2015 22:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1216 voti)
Giugno 2019
Bill Gates confessa il suo errore più grande
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Tutti gli Arretrati


web metrics