Se pubblico una vignetta su Facebook, davvero chiunque può usarla?

Alcuni dati per ragionare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2015]

charlie hebdo

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Adesso chi è il pirata?

Visto il putiferio scatenato dal Corriere della Sera, che ha preso e pubblicato in edicola le vignette di numerosi disegnatori senza chiedere il loro consenso e senza retribuirli, è un buon momento per prendere qualche appunto sul diritto d'autore nei social network.

Le condizioni di contratto di Facebook recitano attualmente che "L'utente è il proprietario di tutti i contenuti e le informazioni pubblicate su Facebook". Non c'è alcuna presa di possesso da parte di Facebook e non c'è nessuna rinuncia da parte dell'utente. Inoltre le condizioni contengono due clausole significative:

Per quanto riguarda i contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale, ad esempio foto e video ("Contenuti IP"), l'utente concede a Facebook le seguenti autorizzazioni, soggette alle impostazioni sulla privacy e alle impostazioni delle applicazioni: l'utente concede a Facebook una licenza non esclusiva, trasferibile, che può essere concessa come sottolicenza, libera da royalty e valida in tutto il mondo, per l'utilizzo di qualsiasi Contenuto IP pubblicato su Facebook o in connessione con Facebook ("Licenza IP"). La Licenza IP termina nel momento in cui l'utente elimina il suo account o i Contenuti IP presenti nel suo account, a meno che tali contenuti non siano stati condivisi con terzi e che questi non li abbiano eliminati.

[...]

Quando l'utente pubblica contenuti o informazioni usando l'impostazione "Pubblica", concede a tutti, anche alle persone che non sono iscritte a Facebook, di accedere e usare tali informazioni e di associarle al suo profilo (ovvero al suo nome e alla sua immagine del profilo).

La seconda clausola sembrerebbe dare a chiunque la facoltà di usare quanto postato su Facebook se è postato come "Pubblico". Se così fosse, chiunque potrebbe "usare" (termine estremamente generico che include, ragionevolmente, anche l'atto di pubblicare su carta a scopo commerciale) una vignetta altrui se la vignetta è stata pubblicata su Facebook in modo visibile a tutti. La proprietà resterebbe dell'autore, ma l'uso sarebbe libero.

Tuttavia fa fede il testo in inglese delle condizioni di contratto ("Il presente accordo è stato redatto in inglese (Stati Uniti). In caso di conflitto tra qualsiasi delle versioni tradotte del presente accordo e la versione in lingua inglese, sarà quest'ultima a prevalere."), quindi è a quello che ci si deve riferire. Le evidenziazioni sono mie.

For content that is covered by intellectual property rights, like photos and videos (IP content), you specifically give us the following permission, subject to your privacy and application settings: you grant us a non-exclusive, transferable, sub-licensable, royalty-free, worldwide license to use any IP content that you post on or in connection with Facebook (IP License). This IP License ends when you delete your IP content or your account unless your content has been shared with others, and they have not deleted it.

[...]

When you publish content or information using the Public setting, it means that you are allowing everyone, including people off of Facebook, to access and use that information, and to associate it with you (i.e., your name and profile picture).

Notate la distinzione fra "contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale" nella prima clausola e "contenuti o informazioni" nella seconda. Secondo questo parere del WIPO, non tutti i contenuti di un social network godono di diritti di proprietà intellettuale, perché non tutti sono sufficientemente creativi da essere considerati opere dell'intelletto. Il testo di un tweet o di un comune post su Facebook, per esempio, difficilmente sarà sufficientemente creativo e originale da meritarsi una tutela di copyright.

Non sono un avvocato esperto in diritto d'autore, per cui mi limito a segnalare questa distinzione e a formulare un'ipotesi basata su di essa: dato che la seconda clausola (quella che sembra consentire l'uso a chiunque) non parla di contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale, ma solo di "contenuti e informazioni", è possibile che la facoltà d'uso da parte di chiunque riguardi soltanto ai contenuti non coperti. In tal caso, una vignetta (chiaramente opera dell'intelletto e quindi coperta da diritti di proprietà intellettuale) postata su Facebook in modalità "Pubblica" non sarebbe usabile da parte di chiunque.

Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere più sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (7624 voti)
Leggi i commenti (25)

Fra l'altro, questa distinzione non c'è per Twitter, che parla solo di "Contenuti" ("L'utente manterrà i propri diritti sui Contenuti che invierà, posterà o renderà disponibili sui Servizi, o mediante gli stessi. Con l'invio, la pubblicazione o visualizzazione di Contenuti sui Servizi, o mediante gli stessi, l'utente concede a Twitter una licenza mondiale, non esclusiva e gratuita (con diritto di sublicenza) per l'utilizzo, copia, riproduzione, elaborazione, adattamento, modifica, pubblicazione, trasmissione, visualizzazione e distribuzione di tali Contenuti con qualsiasi supporto o metodo di distribuzione (attualmente disponibile o sviluppato in seguito).").

Un altro aspetto interessante è la trasferibilità della licenza d'uso. Chi pubblica una vignetta su Facebook consente a Facebook di trasferire o dare in licenza la vignetta a terzi. In teoria, quindi, chi volesse pubblicare la vignetta potrebbe chiederne il permesso a Facebook invece che all'autore. Lo stesso vale per Twitter.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E no caro gomez, i proventi vanno dati alla "lobby" dei tassisti!! :D :twisted:
9-2-2015 17:35

Ah OK, ora vengo a rubarti l'auto ma non è furto perché la userò come taxi ma i proventi li darò ai poveri. :twisted: Mauro Leggi tutto
9-2-2015 08:21

Non li ha neppure interpellati "pro forma", semplicemente ha rubato le loro vignette e le ha pubblicate, spero che i titolari lo perseguano e chiedano un sostanzioso risarcimento. E che in tribunale gli facciano fare la figura di merda che merita. Mauro Leggi tutto
9-2-2015 08:17

Be', se il contratto originale sottoscritto da qualunque fruitore di FB all'atto dell'iscrizione specifica come nel virgolettato "contenuti e informazioni" e non prevede esclusioni mi pare ci sia poco da eccepire, chiunque può usare QUALUNQUE contenuto ed informazione. Mauro Leggi tutto
9-2-2015 08:10

Chiudono un server e l'indomani ne aprono un altro, intanto il file è stato scaricato da tot utenti che lo rimetteranno in rete, ogni tanto danno una stangata a qualcuno e gliela danno bella forte come prova che se vogliono arrivano all'utente finale. Leggi tutto
2-2-2015 16:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1976 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics