Ida - operatrice di call center

Storia di ordinaria ingiustizia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2003]

Quella che voglio raccontare è una storia che fa parte dello scenario delle telecomunicazioni italiane anche se non riguarda tecnologie, tariffe, servizi di cui spesso riferiamo ma è una storia di persone, anzi di una persona.

Ida era un'operatrice di call center: lavorava all'Atesia, azienda del Gruppo Telecom Italia che gestisce servizi di call center per telemarketing in outsourcing per la stessa Telecom Italia, per Tim, per Tin.it, ma anche per altri come società di sondaggi, ecc.

Ida era una "Co.Co.Co.", cioè una lavoratrice con collaborazione coordinata continuativa, quindi non subordinata e non dipendente a tempo indeterminato.

Ida era forse, una degli ultimi Co.Co.Co. perchè il cosiddetto "decreto Biagi" ha deciso la sparizione di questo istituto di lavoro atipico applicato a mansioni che, spesso, non si vede come si possa qualificare "autonome" come, appunto, quella degli operatori di Call Center.

In giugno 2003 Ida rilascia un'intervista al quotidiano "La Repubblica" sul mondo del lavoro dei Co.Co.Co nei call center: racconta che Atesia aveva ridotto del 30% il compenso ai lavoratori, racconta dei ritmi e dell'ambiente di lavoro.

Il 27 giugno 2003 scorso in Atesia affiggono un cartello che dice che per firmare i nuovi contratti di lavoro bisogna entrare nel sito dell'azienda per sottoscrivere l'accettazione. Ida entra nel sito ma non trova il suo contratto, è stata l'unica a non essere confermata - su 40 persone - senza nessuna comunicazione personale dei suoi superiori.

Non ho nessun commento da fare, lo lascio all'intelligenza e al cuore dei lettori di ZN, volevo solo raccontare la storia di Ida.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Bianca Maria
Coraggio Ida! Leggi tutto
21-6-2005 12:41

zeronodi
Sfruttamento Leggi tutto
7-8-2003 20:20

Fabrizio
Son passate due settimane... Leggi tutto
6-8-2003 15:25

Falco Stellare
Il mondo va così Leggi tutto
16-7-2003 13:15

Christian
ATESIA Leggi tutto
14-7-2003 09:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3123 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics