Sempre più grave la crisi di Almaviva, 1500 lavoratori a rischio

Dopo la perdita di importanti commesse, la più grande azienda di call center del Paese rischia la liquidazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2015]

call center

Secondo i sindacati il gruppo Almaviva rischia la liquidazione, se dovesse perdurare l'attuale crisi, dopo la perdita di molte commesse.

Prima era stato il Comune di Milano che aveva dato la gestione del suo call center 020202 proprio ad Almaviva e non ha più rinnovato il contratto, preferendo una gestione interna con propri dipendenti.

Poi è stata la volta del numero 060606 del Comune di Roma, il cui sindaco Ignazio Marino ha disdettato il contratto con Almaviva per affidarlo proprio in questi giorni alla società calabrese di contact center Abramo.

Il colpo più forte è la perdita della commessa Wind, che mette in pericolo particolarmente i 1.500 lavoratori della sede Almaviva di Palermo, con in aggiunta lo sfratto in una delle due sedi palermitane.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2048 voti)
Leggi i commenti (17)

I lavoratori hanno già tenuto manifestazioni anche a Roma davanti alla Camera e una delegazione è stata ricevuta dal presidente Boldrini, con presidi di fronte a negozi Wind.

Almaviva si sta intanto dividendo in più società per gestire questa fase di crisi. E' stata lanciata una campagna di solidarietà sui principali social network #iosonoAlmaviVa, a cui hanno già aderito personaggi dello spettacolo e comuni cittadini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Almaviva ancora in crisi, previsti oltre 2500 licenziamenti
Almaviva in crisi, intervenga il governo
Chiude call center Atesia, 600 in cassa integrazione
Alitalia, ore decisive per il call center
Il signore dei call center: Alberto Tripi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

I clienti di Almaviva scappano? Non c'e' da stupirsi, visto la qualita' dei servizi che eroga Almaviva.
10-3-2015 17:29

{ipsec}
I call center sono nati da persone prive di scrupoli che hanno 'colto l'attimo' sfruttando manodopera bisognosa di lavoro a costi irrisori, senza tutele di alcun genere, per anni. Ciò era ovviamente a conoscenza anche di chi li usava, e ipocritamente chiudeva entrambi gli occhi per poterne godere i vantaggi senza... Leggi tutto
10-3-2015 10:15

{baralios}
L'ignoranza sui call center è ancora enorme, caro shiba chi rischia il posto non è chi vende ma chi ti da assistenza! Fai pure festa quel giorno ma augurati di non aver bisogno di aggiustare l'adsl, il telefono ,il cellulare, disdettare una prenotazione aerea o blocccare la carta di credito perchè saremo chiusi!
8-3-2015 23:40

{michele}
ma cosa ci vuole a capire che il callcenter è un marketing morto? che ormai nessuno si fida? che ormai chi vuole un servizio ad abbonamento si documenta sui siti dei fornitori e poi sceglie? basta coi disoccupatifici
8-3-2015 13:17

Eggià, in un mercato da sempre in espansione mo' che s'avvicinano le regionali, è partita la conta degli amici e degli amici degli amici da accontentare... :-(
7-3-2015 13:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (366 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics