Meglio se taci in Italia in Rete

Alessandro Gilioli e Guido Scorza sui limiti alla libertà di espressione su Internet nel nostro Paese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-03-2015]

megliosetaci

Meglio se taci. Censure, ipocrisie e bugie sulla libertà di parola in Italia.

Così si intitola il breve, denso e graffiante saggio, per i tipi di Baldini e Castoldi, scritto a quattro mani da due esperti e militanti della libertà di espressione in Rete come il giornalista Alessandro Gilioli e l'avvocato Guido Scorza.

Gilioli e Scorza partono dalla situazione di arretratezza nell'accesso a Internet: l'Italia è il Paese con la velocità media di navigazione più bassa d'Europa, in cui c'è la percentuale più alta di persone che non hanno mai navigato in Rete e di persone che non accedono alla Rete tutti i giorni.

La situazione non è casuale ma voluta, perché non accedere alla Rete significa essere meno cittadini, meno trasparenza delle istituzioni, meno possibilità di criticare e denunciare gli errori della classe dirigente politica ed economica.

L'Italia è un Paese dove c'è ancora una legge applicata da magistrati ignoranti delle novità tecnologiche per cui un blog di denuncia della mafia come Accade in Sicilia deve arrivare fino in Cassazione per vedersi riconosciuto il diritto a stare on line senza essere registrato per forza in Tribunale; o dove il direttore di TeleJato Pino Maniaci, più volte minacciato e boicottato dalla mafia, viene condannato dalla magistratura perché esercita il diritto di informare senza essere iscritto all'Ordine dei Giornalisti.

Se l'Italia ha un primato è quello negativo del permettere a un'autorità amministrativa nominata dal potere politico come l'Agcom di rimuovere contenuti multimediali protetti dal diritto di autore, senza passare dalla decisione della magistratura in un regolare procedimento; il regolamento Agcom, per iniziativa dello stesso Scorza e di associazioni come Altroconsumo, dovrà essere giudicato se costituzionalmente legittimo dalla stessa Corte Costituzionale nei prossimi mesi.

Il regolamento è stato voluto fortemente dall'industria multimediale americana, che riesce a rimuovere contenuti da siti esteri che nemmeno le autorità Usa gli permettono di fare.

Infine si avverte la mancanza di una legge come la "Freedom of Information Act" che costringa il governo a pubblicare dati necessari per la trasparenza dell'azione politica e amministrativa.

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la pi¨ importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso pi¨ facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identitÓ dei popoli.

Mostra i risultati (2745 voti)
Leggi i commenti (12)

Invece sembra che siano segreti perfino i verbali del Consiglio dei Ministri e la partecipazione dei ministri alle sedute parlamentari, la cui pubblicazione parziale è affidata alla sensibilità e al buon cuore del premier, come è avvenuto per il caso recente del ministro Boschi, socio e familiare di soci di una banca popolare su cui il governo Renzi ha varato un decreto.

All'anomalia italiana poi si sovrappongono problemi globali come le policy di Facebook, un media di rilevanza mondiale, che rischiano di imporre una visione particolare: per esempio la proibizione assoluta di trasmettere i video degli sgozzamenti del Califfato a tutta l'informazione internazionale e italiana.

L'articolo 21 della Costituzione è un diritto fondamentale del cittadino: non richiede per essere esercitato registri o patenti ma solo la libertà di poterlo fare e le responsabilità di farlo senza ledere i diritti degli altri. Su questo in Italia c'è ancora molta strada da fare.

Titolo: Meglio se taci
Autori: Alessandro Gilioli, Guido Scorza
Editore: Baldini & Castoldi
Prezzo: 15 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Intercettazioni, un appello per dire no alla nuova legge bavaglio

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


{W3C_Freedom}
riguardo al fatto che il loro libro è disponibile su AMAZON, questa è una CATTIVA cosa: Amazon, a company associated with DRM link[/url] as well as mistreatment of workers, authors and publishers. Spero per loro che il libro NON sia rilasciato con tanto di CopyRight, spero he sia rilasciato con la GFDL GNU Free... Leggi tutto
17-3-2015 12:39

{W3C_Freedom}
continua dal precendente: link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/157745]link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/157746]link saluti
17-3-2015 12:21

{W3C_Freedom}
Quanto detto da Guido Scorza e da Alessandro Giglioli è solo la parte del sommerso, molto di più di quello che loro pensano, deve ancora esser noto e la gente ancora lo deve metabolizzare e quando lo avranno già metabolizzato, uscirà fuori qualcuno che NON ha capito il problema ed anzichè esser... Leggi tutto
17-3-2015 12:13

{fresco}
Avendo girato per il mondo per un po' di tempo, mi sono accorto di una verità ben nascosta, nella sua evidenza: ogni popolo ha il governo (e quindi le leggi) che si merita e non si rende minimamente conto di questo. E in un feedback perverso, a loro volta le leggi plasmano i cittadini, mantenendo di fatto uno status quo che... Leggi tutto
17-3-2015 10:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessitÓ.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte Ŕ bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3454 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics