Il telecomando universale da polso

Si utilizza puntando il braccio verso il dispositivo da comandare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2015]

reemocoffepot

L'idea di domotica, che negli ultimi tempi sta ricevendo tanta attenzione, mostra un mondo che per lo più si controlla attraverso lo smartphone.

Dallo smartphone si possono accendere le luci, si può attivare il riscaldamento, si riesce anche a preparare un caffè: però occorre, appunto, lo smartphone.

La start-up Playtabase, fondata da alcuni studenti dell'Università del Minnesota nel 2012, ha scelto invece un approccio diverso: realizzare uno strumento che consente di controllare tutte le apparecchiature di casa semplicemente puntando il braccio nella loro direzione.

Lo strumento in questione si chiama Reemo e ha l'aspetto di uno smartwatch; il funzionamento, però, è molto più semplice e ha effetti molto più ampi: con un gesto consente per esempio di spegnere le luci, disattivare l'allarme, accendere il televisore e molto altro ancora.

Per esempio, se si vuole accendere una macchina del caffè, basta estendere il braccio nella direzione di questa e muovere la mano come se si stesse dicendo a qualcuno di avvicinarsi: ci si sentirà un po' come dei cavalieri Jedi.

Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1359 voti)
Leggi i commenti (16)

«Si tratta di un oggetto tanto semplice che persino mia nonna di 85 anni potrà indossarlo e usarlo» spiega Muhammaed Abdurrahman, CEO di Playtabase. «Ci siamo concentrati su come rendere i gesti semplici e facili da ricordare».

Perché Reemo possa controllare gli apparecchi presenti in casa è necessario che essi siano collegati a una smart plug e, via Bluetooth, al Reemo hub cui è collegato anche il braccialetto. Per il collegamento Bluetooth degli apparecchi Reemo fornisce i ricevitori da apporre.

Completati i collegamenti, basta rivolgere il braccio nella direzione del dispositivo che si vuole comandare e compiere uno dei gesti associati ai comandi; una vibrazione informerà del fatto che il comando è stato impartito. L'articolo continua dopo il video.

Reemo funziona con gli elettrodomestici smart compatibili con OpenHome ma anche con gli elettrodomestici tradizionali collegati a una presa intelligente compatibile. Nella confezione base del braccialetto sono già compresi tre ricevitori.

Sebbene la campagna di raccolta fondi lanciata su Indiegogo da Playtabase non abbia raggiunto l'obiettivo fissato (50.000 dollari), il denaro raccolto è stato comunque utilizzato per finanziare la realizzazione del braccialetto, che sarà in vendita la prossima estate e si può già preordinare dal sito ufficiale al prezzo di 249 dollari.

reemo01
reemo02
reemoband

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fritz!Dect 200, la presa intelligente
Maker Faire, tutti i dettagli
Android@Home, controllare la casa dallo smartphone
La presa intelligente che fa risparmiare
Non chiamateli "Interruttori"

Commenti all'articolo (2)

Già, con questa tendenza a comandare tutto con i gesti o parole bisognerà stare molto attenti a gesticolare, a come si parla o a muovere le mani in varie occasioni con il rischio di impartire ordini non voluti ai dispositivi attorno a noi.
5-4-2015 17:16

:malol: :malol: Immagino le scenette che salteranno fuori con la gente che fa dei gesti spontanei e le apparecchiature che rispondono solerti credendo che si volesse impartire loro degli ordini. :malol: :malol:
5-4-2015 00:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono le tue competenze nel campo della multimedialità?
Uso un Media Player per guardare gli allegati che mi arrivano per posta o che trovo in rete
Mi basta riuscire a fare una copia di backup dei miei CD e DVD
Non sono molto esperto, ma cerco di imparare
Sono un amatore evoluto: monto i miei filmati e masterizzo i DVD
Sono un professionista del settore

Mostra i risultati (1913 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics