Smartwatch d'epoca

Pulsar Time Computer (1972)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-05-2015]

pulsar smartwatch

Si sta facendo un gran parlare di smartwatch, anche grazie agli annunci fatti recentemente da Apple, ma il primo smartwatch (nel senso ampio di "orologio computerizzato") risale al 1972.

Era il Pulsar Time Computer della Hamilton Watch Company: il primo orologio digitale con display a LED. Sì, LED, non LCD: i LED rossi consumavano uno sproposito di batteria, per cui il display era normalmente spento e per guardare l'ora dovevi premere un pulsante, come fece Roger Moore in 007 Vivi e lascia morire con il modello Stainless Steel P2, facendo salire alle stelle la popolarità di questo gadget. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2606 voti)
Leggi i commenti (18)
Non c'era nessun'altra funzione: il Time Computer indicava soltanto l'ora. Niente calcolatrice (quella sarebbe arrivata nel 1975, con bottoni microscopici da azionare con un apposito stilo) e ovviamente niente app.

Pesava uno sproposito ed era ingombrantissimo, oltre a costare 2100 dollari dell'epoca (oggi sarebbero circa 12.000 dollari).

Ma chi lo indossava si sentiva parte del futuro (nel 1972 c'erano ancora astronauti sulla Luna) ed era l'oggetto delle attenzioni di tutti: esattamente come oggi quando si esibisce l'ultimo smartphone o l'Apple Watch.

Se volete sapere tutto su questo nonno degli smartwatch, sfogliate Oldpulsars.com.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (5)

Devo dire che concordo con dagda, per il titolo di primo smartwatch mi sembra più adeguato il Data Link piuttosto che il Pulsar.
3-6-2015 19:17

Possiedo, ancora perfettamente funzionante, il primo vero smartwatch della storia: il Timex Data Link. Anno 1994, certificato dalla NASA per gli astronauti, sensore ottico di ricezione dati da pc tramite barre su schermo analogico CRT.
3-6-2015 00:54

Concordo anche io nell'esagerare a chiamarlo «SMART»Watch. Mi sembra poco smart. Non mi trovo d'accordo con la tua asserzione seguente Se la visualizzazione avviene tramite un microchip "scolpito" per far vedere l'ora allora non è un vero e proprio computer. Se invece accanto al processore (o anche all'interno) c'è un... Leggi tutto
2-6-2015 10:48

Io non mi trovo d'accordo nel definirlo uno smartwatch. Credo che per smartwatch si intenda qualcosa di liberamente programmabile, nel senso che dopo la fabbricazione è possibile inserire uno o più programmi presi da un insieme virtualmente infinito, cioè quello che oggi chiamiamo "app". Nemmeno la definizione "orologio... Leggi tutto
1-6-2015 23:38

Mi vengono i brividi al pensiero che fra 40 anni si dira' la stessa cosa dell' apple watch &c. Spero di vivere abbastanza per assistere al cambiamento.
1-6-2015 09:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (1876 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics