Gli attacchi DDoS non sono minacce da sottovalutare

5 equivoci comuni sulla protezione DDoS.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2015]

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
5 equivoci comuni sulla protezione DDoS

Equivoco #5:
Gli attacchi DDoS non sono minacce avanzate

Tecnicamente parlando è vero, gli attacchi DDoS di per sé possono non essere avanzati.

Tuttavia recenti ricerche condotte su reti botnet e attacchi DDoS hanno determinato uno stretto rapporto di questi ultimi con le campagne di minacce avanzate che sfruttano malware, RAT ecc.

Per esempio vi sono stati casi documentati di attacchi DDoS impiegati nel corso di:
- Fasi di ricognizione iniziale per mettere alla prova la capacità di un'azienda di rispondere a determinate minacce.
- Fasi di consegna del malware, dove l'attacco DDoS è stato usato per saturare i log e i file di dati dei prodotti usati per l'analisi forense così da rendere assai più difficile la ricerca del malware.
- Fasi di estrazione dei dati, con gli attacchi DDoS usati come tattica diversiva.

Questo porta a chiedersi: "Quest'ultimo attacco DDoS è stato un evento isolato o è stato parte di una campagna di minacce più avanzate condotta contro la mia azienda?".

Per mettersi al riparo è altamente consigliabile avvalersi di un'intelligence globale capace di rilevare preventivamente i segnali di una possibile violazione prima che possa avere conseguenze sull'azienda.

È tempo di un approccio intelligente multistrato alla protezione DDoS.

Usare soluzioni tradizionali per la sicurezza come firewall o IPS, o scommettere sull'eventualità che cybercriminali e hacktivisti non facciano nulla, è un grosso rischio.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitÓ
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitÓ politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5250 voti)
Leggi i commenti (25)

Ci si può permettere che le proprie applicazioni critiche diventino indisponibili? È possibile riprendersi dai costi associati a una violazione che renda pubblici i dati riservati di milioni di clienti?

La realtà è che occorre proteggere costantemente un'azienda attraverso un approccio multistrato integrato alla difesa DDoS.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Difendersi dagli attacchi DDoS: 10 consigli

Commenti all'articolo (1)


{utente anonimo}
La realtà è che è necessario affidarsi al cloud il meno possibile, o proprio per niente visto che le alternative ci sono e anche a costi ridotti, e riparasi il posteriore con una CDN ben fatta, un sistema fierwall ben programmato e un buon contratto per la banda. Il core business di un'azienda non è di... Leggi tutto
29-6-2015 15:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso pi¨
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalitÓ
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1069 voti)
Aprile 2021
Windows 10, la Timeline perde la sua funzione più utile
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 aprile


web metrics