L'hotel dove si dorme (quasi) a gravità zero

Per provare l'ebbrezza di dormire come gli astronauti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-08-2015]

sonno 3d 01

Si chiama KSEVT Hotel, ma non è esattamente un albergo: KSEVT è infatti l'acronimo che indica il Centro Culturale di Tecnologie Spaziali Europee, sito in Slovenia.

Il KSEVT Hotel in questione è un progetto ideato dagli studenti della AA Visiting School Slovenia per offrire ai visitatori del Centro un modo originale e in tema di passare lì la notte.

Gli studenti hanno infatti creato un'imbracatura, sospesa a una selva di funi, all'interno della quale gli ospiti possono passare la notte: l'idea è che in questo modo posso provare (più o meno) quello che prova un astronauta mentre dorme in assenza di gravità.

Certo, in realtà gli astronauti quando dormono si assicurano ai sedili o "appendono" al muro i sacchi a pelo entro i quali passano il periodo di riposo: soltanto così sono sicuri di colpire qualcosa mentre dormono, e bloccano i propri arti per evitare che galleggino.

Tuttavia, l'iniziativa è curiosa e ha già avuto il merito di attirare l'attenzione verso lo KSEVT, che è a caccia di turisti; anzi, per la precisione l'intento è promuovere il nanoturismo, ossia un turismo partecipativo e orientato localmente» e che faccia del bene alla vicina cittadina di Vitanje.

Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2874 voti)
Leggi i commenti (29)

«Il valore aggiunto all'esposizione dello KSEVT è l'esperienza della levitazione in un ambiente a gravità» scrivono gli ideatori del progetto. «Il campo di ricerca del gruppo era la transizione dal normale sonno 2D all'esperienza di un sonno 3D».

sonno 3d 02
sonno 3d 03
sonno 3d 04
sonno 3d 05
sonno 3d 06
sonno 3d 07
sonno 3d 08

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
No, il 4 gennaio non resteremo senza gravità per quattro minuti

Commenti all'articolo (1)

A guardar le foto mi viene da dire che a me dormire così farebbe venire gli incubi e mi sentirei di essere stato preso nelle grinfie, anzi nella tela, di Shelob
14-8-2015 19:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1743 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics