Vuoi un prestito? Facebook deciderà se puoi averlo

Il social network raccoglierà informazioni sui debiti degli utenti e le venderà agli istituti di credito.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-08-2015]

facebook brevetto debiti prestiti

L'ultimo brevetto registrato da Facebook è un po' la variante moderna del proverbio "Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei", applicato alla Rete e alla finanza.

Il brevetto riguarda infatti un sistema che permette a Facebook di raccogliere informazioni personali sugli utenti e i loro amici e di fornirle dietro pagamento a chi ne faccia richiesta.

Fin qui sembrerebbe che non ci sia nulla di nuovo rispetto alla normale attività del social network, salvo il fatto che la compravendita di informazioni personali è messa nero su bianco. In realtà, la situazione è ancora più seria.

Intanto, la raccolta di informazioni viene spacciata per pubblicità a pagamento anziché essere presentata per quello che è. Poi, questo specifico brevetto riguarda infatti in particolare le informazioni finanziarie degli utenti: Facebook ha elaborato un sistema per raccoglierle e fornirle alle banche e agli istituti di credito, in modo che possano capire se chi sta loro chiedendo un prestito sia affidabile basandosi sulla posizione creditizia degli amici.

In altre parole, se qualcuno chiede un prestito o un finanziamento la società che si occupa di decidere se concederlo o meno potrà rivolgersi a Facebook e ottenere dati sulla posizione finanziaria non soltanto dell'utente che sta eseguendo la richiesta, ma anche su quella dei suoi amici.

Sondaggio
Qual è l'espressione più ricorrente nella tua azienda, tra queste?
Ampia gamma
Capacità comunicative
Creativo
Dinamico
Efficace
Esperienza collaudata
Innovativo
Manageriale
Motivato
Multinazionale
Problem solving
Specializzato
Vasta esperienza

Mostra i risultati (1716 voti)
Leggi i commenti (15)

Verrà così a sapere se abbiamo già contratto dei debiti, se li abbiano saldati, se abbiano pagato puntualmente le rate e via di seguito. Da tutte queste informazioni trarranno un quadro in base al quale decidere se concedere o meno il prestito.

Spiega il sito SmartUpLegal, che per primo ha notato il brevetto: «Se un individuo chiede un prestito, il creditore esamina i passati custoditi nelle pagine dei membri che hanno aderito alla sua pagina sulla base di una clausola a cui si aderisce sottoscrivendo un contratto di promozione pubblicitaria. Se la media dei comportamenti creditizi raggiunge il minimo allora il creditore decide di esaminare più nel dettaglio la richiesta. Se la media è sotto la soglia la domanda è respinta».

Nonostante l'inquietudine che un brevetto del genere può generare, è ancora presto per gridare allo scandalo: Facebook per il momento non sta utilizzando i sistemi descritti nel brevetto, né è chiaro se e quando inizierà a farlo.

Tuttavia, l'intera vicenda dovrebbe portare ancora una volta a riflettere seriamente sul tipo e sulla quantità delle informazioni condivise in Rete.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Se FB ha brevettato la cosa è perché vuole utilizzarla, normalmente se si spendono soldi in ricerca e brevetti è perché se ne vuole ottenere un forte ricavo quindi FB la userà sicuramente con buona pace dei polli che le danno in mano tutta la loro vita privata. :roll: Leggi tutto
14-8-2015 19:06

Mah non si capisce se ridere o piangere . Ma serio :D
13-8-2015 19:27

{utente anonimo}
Cosa? Mi possono negare o concedere un prestito in base alla solvibilità dei miei amici? La cosa sembra avere senso... chiedo aiuto ad amici e parenti quando non ho i soldi per pagare il mutuo (che poi questo aiuto economico mi venga dato non è automatico). Tuttavia, da quanto mi risulta, facebook ha attribuito alla... Leggi tutto
11-8-2015 16:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano più intelligenti (o più prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo più dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2088 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics