La tecnologia ha creato più posti di lavoro di quanti ne ha distrutti

Lo rivela uno studio che analizza la storia degli ultimi 140 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-08-2015]

tecnologia e lavoro

La continua automatizzazione crea disoccupazione: l'avanzata delle macchine che svolgono lavori prima appannaggio dell'uomo lascia a casa torme di persone, le quali devono trovare un modo per tirare avanti in un mondo in cui le loro qualifiche non sono più richieste.

È questa, in sintesi, la versione che si sente ripetere per lo meno sin dalla rivoluzione industriale ed è la motivazione della famosa opera di sabotaggio dei telai a vapore. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il tuo approccio con la tecnologia?
La ostacolo con tutte le mie forze: porta solo guai, inquinamento, distruzione e guerra. Il mio stile di vita ideale e' quello degli Amish della Pennsylvania.
Sono poco interessato, uso le macchine al minimo indispensabile, e solo per l'utilizzo pratico. Per esempio, uso il telefono per comunicare, l'auto per muovermi sulle lunghe distanze e il computer per fare strani calcoli elaborati.
La tecnologia non e' buona o cattiva, essa si limita a fornirci degli strumenti piu' potenti. Se vengono usati a fin di bene o male, il merito o la colpa sono solo nostri.
Amo circondarmi di macchinette che fanno cose fino a ieri impensabili. Essere aggiornato e' per me un sottile godimento, per certi versi una piacevole dipendenza.

Mostra i risultati (3867 voti)
Leggi i commenti (8)
Per chiarire quanto ci sia di vero in tutto ciò un gruppo di economisti della Deloitte ha condotto uno studio sulla relazione tra l'avanzata della tecnologia e i posti di lavoro, usando i dati dei censimenti in Galles e Inghilterra e risalendo indietro nel tempo fino al 1871, al tempo della seconda rivoluzione industriale.

Le loro conclusioni sono molto interessanti: se è innegabile che l'apparizione di nuove tecnologie nei diversi settori ha causato la scomparsa di alcuni lavori, è anche vero che l'affidamento di certi compiti alle macchine ha comportato una diminuzione dei costi di produzione, causando un abbassamento dei prezzi dei beni essenziali e di conseguenza un aumento del denaro che la gente comune può spendere; così si è assistito in parallelo a un aumento di quei lavori in cui l'apporto umano è essenziale, oppure che si occupano di aspetti secondari della vita, come l'intrattenimento e i servizi di ristorazione o bellezza.

A riprova di quanto affermano, gli autori dello studio suggeriscono di considerare l'aumento del personale dei bar iniziato nel 1950 o quello del numero di parrucchieri registrato nell'ultimo secolo: l'aumento delle possibilità di spesa ha creato una nuova domanda per nuovi lavori.

01 agricoltura

Andando indietro nel tempo, gli economisti hanno scoperto come la diminuzione del numero di lavoratori dell'agricoltura è stata accompagnata da una rapida crescita dell'occupazione nei settori «dell'assistenza, della tecnologia, dei servizi e nei campi più creativi».

Nel 1871, in Inghilterra e Galles il 6,6% della popolazione era impegnato nel settore agricolo; oggi tale cifra si aggira intorno allo 0,2%.

02 lavanderie

Per quanto riguarda il presente e il prossimo futuro, «le macchine si assumeranno i lavori più ripetitivi e faticosi, ma non siamo oggi più vicini a eliminare il bisogno di lavoro umano più di quanto lo siamo stati negli ultimi 150 anni».

I dati sono chiari. Se nel 1901, quando Inghilterra e Galles combinati avevano una popolazione di 32,5 milioni di persone, 200.000 di queste erano impegnate nel settore del lavaggio dei vestiti, oggi, con una popolazione di 56,1 milioni di persone, appena 35.000 persone sono impegnate nello stesso settore.

03 cambio lavoro

La causa di ciò è ovviamente da ricercarsi nelle innovazioni apportate dall'installazione delle tubature dell'acqua nelle città e nelle case, nella diffusione dell'elettricità e nell'apparizione delle lavatrici.

Per contro, soltanto negli ultimi due decenni i posti di lavoro nel settore dell'assistenza infermieristica sono cresciuti del 909%, quelli nel settore dell'educazione del 508%, quelli nel settore dell'assistenza a casa del 168%.

04 contabili

«Il facile accesso alle informazioni e il ritmo accelerato delle comunicazioni hanno rivoluzionato la maggior parte delle attività basate sulla conoscenza» aggiungono gli autori, notando per esempio che negli ultimi vent'anni c'è stato un calo del 57% dei dattilografi e del 50% delle segretarie aziendali; di contro è aumentata costantemente la richiesta di servizi professionali, e i contabili negli ultimi 140 sono diventati venti volte di più.

In sostanza, gli economisti di Deloitte concludono che «il quantitativo di lavoro nel mercato non è fisso» e che quando una possibilità viene a cadere se ne aprono altre, spesso nuove e spesso generate dalla possibilità di maggiori spese per servizi personali, come la cura della persona.

05 bar

06 parrucchieri

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Robot, 5 milioni di posti di lavoro in meno nel 2020

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Evidentemente i tuoi genitori sono stati molto più fortunati dei miei. Faccio solo un paio di esempi scemi: ai tempi dei miei genitori il vino era una schifezza piena di metanolo e di conservanti per non farlo diventare aceto, poi sono arrivati gli enologi a spiegare ai contadini come si deve vinificare. Non esistevano controlli sulla... Leggi tutto
8-9-2015 10:32

Non mi pare. Stavo rispondendo ad er-nesto che sosteneva la falsità di quanto affermato nell'articolo senza fare accenno alcuno a dati oggettivi. Parlava di cadaveri saponati come risultato del progresso tecnologico e sciocchezze simili. Io ribattevo dicendo che non ho fatto alcuna ricerca e non sono in grado di confermare né di... Leggi tutto
8-9-2015 09:55

E non solo: Mai sentita un'eresia e una bestialità simile! Direi che è sconvolgente che qualcuno possa essere così malinformato da autoconvincersi di simili spropositi ridicoli... Ma da dove hai ricavato una simile convinzione, da un Topolino?!? :shock: @ utontello: a Utontè, la tecnologia permette di produrre cibo in quantità, non... Leggi tutto
4-9-2015 00:27

Stai travisando i benefici che la tecnologia ha portato alla qualità della vita con i "malefici" che ha portato all'occupazione. Di questo si sta parlando, non di quanto siamo contenti con l'auto nuova o il cellulare di ultima generazione... Dalle mie perti stanno chiudendo reparti ospedalieri uno dopo l'altro... non capisco... Leggi tutto
3-9-2015 22:53

Sei il mio mito! Ti quoto e ti voto alle prossime elezioni! Aggiungo: la tecnologia permette di produrre cibo in quantità che gli antenati non avevano, al netto di qualunque attività speculativa. Se non viviamo tutti nell'abbondanza non è a causa della tecnologia, ma dei soliti delinquenti.
3-9-2015 11:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics