Il giornalista accampato davanti all'Apple Store con 15 giorni di anticipo

Vuol essere il primo a comprare un iPhone 6s, ma per una buona causa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2015]

night 2

L'annuncio di nuovi prodotti da parte di Apple ci ha abituati alle file fuori dai negozi: i fan della Mela ci tengono a essere i primi ad avere tra le mani le ultime novità tecnologiche.

Per i prossimi iPhone 6s e iPhone 6s Plus è però un po' presto: arriveranno nei negozi soltanto tra due settimane, il 25 settembre. Eppure, qualcuno è già in coda adesso.

Lindsay Handmer, giornalista australiano, si è accampato la notte scorsa davanti all'Apple Store di Sydney con tanto di tenda e attrezzatura indispensabile per sopravvivere sul marciapiede per i prossimi quindici giorni, come un computer portatile Dell, uno smartphone (della HTC, però) e un thermos.

A quanto pare non è una passione smodata per i prodotti Apple a spingere il giornalista, quando piuttosto una buona causa: promuovere Mission Australia, che si occupa di assistenza ai senzatetto. Il primo iPhone messo in vendita a Sydney, acquistato da Handmer, sarà messo all'asta per raccogliere fondi.

Con la sua trovata Handmer è convinto di poter attirare l'attenzione sull'associazione e invogliare la gente a sostenerla, raccogliendo 5.000 dollari australiani nelle prossime due settimane.

Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno Ŕ...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (12306 voti)
Leggi i commenti (55)

Nel frattempo, Handmer promuove anche il proprio sito che si occupa di annunci per la compravendita online di prodotti tecnologici usati, My Spare Tech, un secondo fine che gli ha attirato le critiche di molti perché in questo modo il giornalista parrebbe sfruttare il bisogno di supporto di Mission Australia per far conoscere il sito che gestisce.

Neanche i dipendenti dell'Apple Store sembrano troppo contenti di avere Handmer fuori dalla porta, anche perché i prodotti tecnologici da lui usati (i già citati laptop e smartphone) non sono di Apple: «Non ho nulla contro chi contra i prodotti Apple» spiega il giornalista «ma preferisco prodotti alternativi e più economici».

night 1

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontÓ" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiositÓ di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverÓ a credere e con che velocitÓ si propagherÓ
Dalla volontÓ di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2318 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics