Il Popcorn Time della musica

Aurous trova qualunque brano in pochissimo tempo e lo riproduce in streaming grazie a BitTorrent.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2015]

aurous popcorn time della musica

Mentre Popcorn Time si gode il proprio successo nonostante la censura che l'ha colpito anche in Italia, una nuova creazione si affaccia sul mondo BitTorrent, e proprio a Popcorn Time deve l'ispirazione.

Si chiama Aurous e vuole essere «il Popcorn Time della musica». Il suo creatore è Andrew Samson, già noto per il motore di ricerca Strike, che opera all'interno della rete BitTorrent.

Aurous utilizza la tecnologia di ricerca alla base di Strike e la applica ai brani musicali, permettendo di trovarli all'interno della rete BitTorrent. «L'app in sé è decentralizzata e nulla passa attraverso dei server esterni» spiega Samson «Può cercare in tutti gli archivi BitTorrent in pochi millisecondi per trovare singoli file».

Oltre che sulla rete BitTorrent, Aurous è in grado di recuperare i brani anche tramite il protocollo HTTP: «Così, se non riuscite a trovare quell'oscuro album FLAC su DHT/BitTorrent, potreste trovarlo in qualche pagina che abbiamo indicizzato nel 2006» racconta ancora Samson.

Al momento l'applicazione si trova nello stato di pre-alpha e i risultati sono limitai poiché è volutamente limitato l'accesso al numero di peer sulla rete; ma il suo creatore afferma che quando si raggiungerà lo stato di alpha in pochissimo tempo il software potrà «trovare qualunque canzone vi venga in mente».

Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3664 voti)
Leggi i commenti (10)

Un dettaglio importante di Aurous è il suo rapporto con la pirateria. Secondo Samson, la pirateria è un problema di accesso, non di denaro: per questo la versione definitiva, che sarà disponibile per Windows, Mac OS X, Linux, Android e iOS, includerà la capacità di acquistare brani musicali dai negozi online più noti come iTunes, Amazon o Google Music.

Il software in sé sarà invece gratuito, anche se di tanto in tanto potrebbe mostrare dei banner pubblicitari, senza tuttavia interrompere il flusso audio come invece avviene per esempio nella versione gratuita di Spotify.

Il lancio della alpha pubblica è fissato per il 10 ottobre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Italia blocca Popcorn Time
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Popcorn Time, nuova versione impossibile da censurare

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1837 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics