Happy Birthday è di pubblico dominio

Invalidato il copyright che frutta alla Warner Bros 2 milioni di dollari l'anno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2015]

happy birthday copyright invalidato

Happy Birthday, Tanti auguri a te, è una canzone famosa non soltanto perché usatissima, appunto, per fare gli auguri di compleanno, ma anche perché spesso portata a esempio dell'uso distorto del diritto d'autore.

I diritti sul testo della canzone - la cui melodia è stata composta prima del 1893 dalle sorelle Mildred e Patty Hill, insegnanti in un asilo, ed è da tempo dominio pubblico - sono passati nel corso degli anni prima alla Summy Co., poi alla Warner/Chappell: il risultato è che grazie a questa canzoncina Warner Bros incassa ogni anno 2 milioni di dollari.

Chiunque fino a oggi volesse farne un uso commerciale (cantandola a un concerto, o registrando un'esecuzione) doveva pagare le relative royalty, che evidentemente non servivano per compensare le due autrici originarie della musica, da tempo scomparse, né eventuali loro discendenti, ma si limitavano a rimpinguare un po' le casse della major.

Adesso però è cambiato tutto. Nel 2013 un gruppo di artisti ha fatto causa alla divisione che si occupa di musica della Warner Bros, sostenendo che il copyright non era valido: la mancanza di qualunque testimonianza circa un accordo per il trasferimento dei diritti e le nebulose origini della canzone (non si riesce ad avere una data esatta, né è chiaro chi abbia composto il testo) invaliderebbero le pretese avanzate nel corso degli anni dalla Warner Bros.

Prima ancora di arrivare al processo, il giudice americano George King ha decretato che in effetti non v'è alcuna prova del trasferimento dei diritti d'autore sul testo a Warner Bros, né orale né scritta né per consuetudine. «In effetti non ci sono prove che mostrino che le sorelle Hill abbiano trasferito i loro diritti sulle parole alla Fondazione Hill, cosicché la Fondazione Hill potesse, a sua volta, trasferirli legittimamente alla Summy Co.».

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1618 voti)
Leggi i commenti (6)

Warner Bros quindi non ha mai posseduto i diritti su Happy Birthday, il che significa che in tutti questi anni ha preteso denaro dagli artisti che hanno utilizzato quella canzone senza averne titolo, e che la canzone è di pubblico dominio.

Gli artisti che hanno portato Warner Bros in tribunale hanno anche richiesto un risarcimento danni per le royalty richieste nel corso degli anni, ma questo aspetto della vicenda deve ancora essere affrontato.

«Io spero che possiamo iniziare a riprogettare la legge sul diritto d'autore per fare ciò che dovrebbe fare: proteggere le creazioni della gente che produce opere, cosicché possiamo continuare a realizzare altre opere» ha commentato Ruypa Marya, uno degli artisti che hanno dato il via alla causa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

E sarebbe anche ora, ma credo che le major e tutti le varie figure che indebitamente spillano soldi ai fruitori di opere ed ai loro creatori difficilmente molleranno l'osso... Leggi tutto
27-9-2015 15:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1359 voti)
Dicembre 2023
Windows 10, Microsoft vara il supporto esteso oltre il 2025
YouTube Playables è realtà
Novembre 2023
Google Drive, scomparsi i file degli ultimi sei mesi
Dopo videochat con una bella ragazza, ora mi ricatta con le mie immagini intime
Windows, problemi con le licenze dopo la fine degli upgrade gratuiti
Office 2024 esiste, e non richiede un abbonamento
Google, meno di un mese alla "grande pulizia" degli account
La voce di John Lennon è da considerare autentica o sintetica?
Ottobre 2023
Windows 10, una petizione per allungare il supporto
Addio password, benvenuta passkey?
Nokia licenzierà 14.000 persone
Amazon, dal 2024 consegne coi droni anche in Italia
Microsoft Edge curiosa nei dati degli altri browser a ogni avvio
Canonical ritira Ubuntu 23.10 per “discorsi d'odio”
Windows 11, basta un comando per aggirare i controlli sull'hardware
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics