Il 90 per cento degli uccelli marini ha ingerito plastica

Spesso viene scambiata per cibo e usata anche per nutrire i piccoli, causandone la morte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-10-2015]

albatross plastica uccelli marini

Quanto inquina la plastica che finisce nei mari? A giudicare dalle "isole di rifiuti" rilevate negli oceani, questo tipo di inquinamento è decisamente preoccupante, ma c'è di più.

Uno studio pubblicato su Pnas ha rivelato quanta di questa plastica finisca per essere ingerita dagli uccelli marini: esaminando le ricerche compiute tra il 1962 e il 2012 gli studiosi hanno scoperto che negli anni '70 e '80 del secolo scorso appena il 10% degli uccelli marini aveva ingerito plastica. Partendo da questi dati, hanno stimato che oggi tale percentuale sia salita al 90% e che entro il 2050 si arrivi al 99%.

La causa di questo fenomeno sta nel fatto che spesso gli uccelli marini confondono i pezzetti di plastica per gamberetti o krill, raccogliendoli e a volte portandoli anche come cibo ai loro piccoli.

Già nel 2013 il documentario Midway aveva sollevato il problema, mostrando le immagini di una remota isola del Pacifico coperta dalle carcasse di piccoli di albatross, al cui interno erano visibili tappi di bottiglia e spazzolini da denti.

Una volta ingerita, la plastica ostruisce il sistema digerenti di questi animali e a volte finisce per ostruire anche quello respiratorio; rilascia inoltre tossine nei loro corpi, e in buona sostanza ne conduce alla morte un gran numero.

Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1089 voti)
Leggi i commenti (12)

In base ai dati presentati nello studio i ricercatori affermano che ci sono circa 580.000 pezzi di plastica per ogni chilometro quadrato di mare, e che il quantitativo di plastica prodotto raddoppia ogni 11 anni: tra il 2015 e il 2026 si produrrà più plastica di quanta ne sia mai stata prodotta.

Tutto ciò «è un'indicazione del fatto che il nostro mondo sta venendo letteralmente intasato dalla plastica» commenta Boris Worm, biologo marino della Dalhousie University, sottolineando che la moria di uccelli è il segno visibile di una minaccia nascosta ma maggiore, ossia l'effetto che la plastica ha su animali come pesci, balene e tartarughe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La NASA mostra come si formano le isole di spazzatura negli oceani

Commenti all'articolo (2)

{UGO}
Di cosa ci si lamenta, ormai abbiamo accettato tutto ... purtroppo è nella natura umana distruggere.
1-11-2015 18:27

{emeniz}
Ci vorrebbe un antivirus della natura, verso una delle peggiori epidemie di tutti i tempi: il morbo umano.
27-10-2015 18:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2395 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics